In attesa della votazione sulla Brexit, l’incertezza è davvero molta, per gli esiti che avranno gli accordi che poi dovranno essere dibattuti con l’Unione Europea per la sua uscita dalla comunità.

Quest’attesa sta portando molti italiani, al momento impiegati in Inghilterra, a guardarsi intorno e sopratutto a controllare il mercato immobiliare italiano nel caso si debba improvvisamente correre ai ripari. Secondo il sito Immobiliare.it, a Gennaio del 2019 si è registrato un incremento di ricerca per gli immobili provenienti dal Regno Unito.

Nel primo mese del nuovo anno è stato registrato in tutto un aumento delle ricerche pari al 47% in più rispetto allo stesso mese durante il 2018. 

Milano la città con più ricerche, per chi pensa di tornare dall’Inghilterra in Italia

Le informazioni ricercate dagli italiani che vivono nel Regno Unito, all’80% riguardano immobili in affitto. Molte ricerche presentano un budget medio pari a 1800 euro al mese per i bilocali, e si abbassano sui 1200 euro, dopo aver constatato che i prezzi dell’Italia sono notevolmente più bassi rispetto a quello dei fitti nel Regno Unito. 

La città che ottiene più ricerche è Milano. Infatti, questa presenta un aumento del 70% delle richieste dall’Inghilterra rispetto allo scorso anno. Dopo Milano, ci sono Torino con un +55% e a seguire Roma con il +35%.

La capitale però non è mai indicata come prima ricerca, ma sempre come alternative alle due città più ricercate come Torino e Milano. Secondo l’AD di Immobiliare.it, è possibile considerare che chi ha vissuto per lunghi periodi in Inghilterra, è normale cercare una casa in affitto, perché rispetto alla mentalità italiana che è improntata all’acquisto, quella nord europa è più incline ad affittare una casa o un monolocale.

Dunque anche se dovranno tornare in patria, come si nota dai dati, gli italiani preferiscono scegliere un locale in locazione, rispetto a fare un acquisto. Inoltre, bisogna considerare che molti potrebbero tornare in Italia solo per un breve periodo e poi optare per un trasferimento in un nuovo paese europeo.

Silvia Faenza
Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali all'Università del Salento, nel 2014. Dopo la laurea, inizia il suo percorso all'interno di un'agenzia di Marketing farmaceutico, approdando l'anno dopo nel mondo della scrittura e dell'editing per il web. Dal 2015 si occupa della gestione dei contenuti in ambito business e personal finance. Scopri di più sulla redazione qui

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here