Un settore in ascesa nonostante la crisi, il franchsing ha un giro d’affari pari a 25 miliardi di euro e continua a crescere e garantire lavoro a più di 200 mila persone. I dati sono confermati dalla ricerca effettuata per il Rapporto franchising 2019 da Assofranchising e dall’Osservatorio istituito dall’Università di Roma La Sapienza.

Secondo Bernardino Quattrociocchi, l’ordinario di Economia e gestione delle Imprese all’Università La Sapienza, le cifre parlano molto chiaro e segnano un aumento significativo rispetto ai numeri rilevati durante il 2017, che era già stato a suo tempo considerato un anno molto florido.

Settore Franchising in crescita dal 2014

Secondo il nuovo rapporto, dal 2014 sino ad oggi gli occupati nel settore del franchising hanno visto una crescita del 10,9%, invece i punti vendita sono aumentati dell’8,3% portando di conseguenza a un aumento del giro d’affari complessivo del 7,8%.
Durante gli ultimi dieci anni invece, il franchising ha visto una crescita pari al 17%, e le imprese estere che hanno scelto d’investire mediante questo strumento all’interno del nostro paese sono aumentate del 35,8%.

Guardando oltre il nostro paese, il 2018 è stato per il settore un anno altamente positivo. Infatti, sono aumentati del 7,6% i punti vendita aperti, inoltre i master franchisor stranieri in Italia segnano un importante 1,4% in più rispetto all’anno precedente, e del 21,7% in più rispetto ai dati rivelati nel 2017.

Le categorie merceologiche più remunerative nel franchising

Se guardiamo le categorie merceologiche, sicuramente il settore che ottiene risultati migliori è il campo della ristorazione con: bar, gelaterie, pub e pasticcerie in franchising. Queste segnano tutte un 20% in più sull’anno passato. Il giro d’affari totale per il 2018 in questo campo è stato di 447 milioni di euro e il numero degli occupati è cresciuto con ben 5.500 addetti in più.

In crescita anche il settore alimentare specializzato con i negozi dedicati ad esigenze particolari (come Vegan e Gluten Free). In questo settore il giro d’affari ha visto un incremento del 23,3% superando così i 227 milioni di euro di fatturato.

Stabile e ben posizionato invece il settore dei centri estetici e delle palestre. In calo invece librerie e profumerie in franchising che perdono l’una il 19,2% e l’altra il 15,5%. Infine, dato ottimale nel settore dell’energia dove invece sono in aumento i negozi specializzati nella vendita d’offerte per l’energia domestica e l’assistenza. 





Silvia Faenza
Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali all'Università del Salento, nel 2014. Dopo la laurea, inizia il suo percorso all'interno di un'agenzia di Marketing farmaceutico, approdando l'anno dopo nel mondo della scrittura e dell'editing per il web. Dal 2015 si occupa della gestione dei contenuti in ambito business e personal finance. Scopri di più sulla redazione qui

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here