Salute




La salute e il benessere rimangono una priorità per gli italiani. Prima dei problemi legati alla sicurezza e al lavoro, 9 italiani su 10 prevedono un aumento delle loro spese, nel prossimo quinquennio, nel campo della salute e del benessere. Secondo i dati, l’incremento della spesa in questi settori, nei prossimi 5 anni, sarà di ben 25 miliardi. 

Durante il II meeting annuale dell’innovazione dell’Ania, il presidente dell’associazione assicuratori ha affermato che: la società è cambiata e continua a cambiare, per questo motivo si ricercano nuovi modelli nel campo della salute, tenendo sempre al centro il servizio universale.

Due italiani su Tre: ritengono importante la prevenzione e i check up

Secondo una ricerca svolta per Ania da Deloitte insieme a Swg è possibile notare come due italiani su tre ritengono molto importante fare check up e visite di prevenzione almeno una volta durante l’anno. Nel 50% dei casi, la spesa annuale in termini di prevenzione è di circa 300 euro. Gli italiani, secondo la ricerca, sono ancora molto legati al controllo del proprio stato di salute con modalità tradizionali. Il 79% si rivolge ai medici, il 24% alla diagnostica tradizionale e solo il 7% sceglie di utilizzare delle applicazioni digitali o wereable device.

Il 74% delle persone ritengono che le innovazioni abbiano avuto un impatto positivo nel campo della salute e del benessere, e hanno migliorato anche la qualità dei servizi. I principali intervistati, quasi il 70%, utilizzano ad esempio i sistemi di prenotazione delle visite online. Allo stesso tempo, le persone sono poco informare su quali sono gli operatori diversi da quelli tradizionali ai quali si possono rivolgersi.

Anche se gli italiani scelgono ancora le cure tradizionali, non sono da escludere le innovazioni tecnologici in termini di salute e benessere. Infatti, nei prossimi anni si diffonderanno ancora di più i sensori e le applicazioni digitali per controllare stile di vista e salute, portando così a migliorare i profitti delle aziende che operano nel ramo Insurtech.





Silvia Faenza
Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali all'Università del Salento, nel 2014. Dopo la laurea, inizia il suo percorso all'interno di un'agenzia di Marketing farmaceutico, approdando l'anno dopo nel mondo della scrittura e dell'editing per il web. Dal 2015 si occupa della gestione dei contenuti in ambito business e personal finance. Scopri di più sulla redazione qui

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here