investi in amazon
data-full-width-responsive="true">



Investire in Amazon potrebbe rivelarsi una vera e propria occasione d’oro al giorno d’oggi.

Infatti le azioni Amazon, come le azioni di altri big del calibro come Netflix e Microsoft, avrebbero tutto il diritto di comparire nell’elenco delle azioni da comprare oggi.investi in amazon

Viviamo un momento di crisi mondiale che crea del dissesto anche nei mercati e quando il mercato è in crisi la maggior parte degli investitori tendono a vendere tutto ciò che si trova nel proprio portafoglio, comprese le azioni di aziende sane e con ottimi margini di crescita.

Partendo da questa premessa il quadro comincia a farsi più chiaro. Ma andiamo oltre e scopriamo perché ritengo che proprio le azioni Amazon dovrebbero essere un affare da non lasciarsi sfuggire.

Perché investire in azioni Amazon

Nonostante i mercati in forte crisi Amazon non sembra affatto sentire il colpo.

Anzi tutt’altro e i numeri sono decisamente dalla parte di Jeff Bezos, visto che ad oggi le azioni Amazon sono in decisa salita.

In questo esatto momento in cui sto scrivendo il valore dei titoli Amazon si aggira sui 2.997 $, un dato non di poco conto se consideriamo che un mese fa il valore delle azioni Amazon era di 2.200 $.

D’altronde se c’è un’azienda che riesce a cogliere le occasioni che sta presentando l’emergenza Coronavirus è proprio Amazon: in un mondo in completo lockdown, dove risulta complicato (se non in alcuni casi impossibile) fare i propri acquisti – banali o meno che siano – in modo tradizionale, tutti si affidano agli e-commerce.

E chi, se non l’e-commerce per eccellenza, poteva non giovarne più di tutti?

Come investire in Amazon

Investire in azioni Amazon non è affatto complicato, ti basterà avere un conto titoli che includa anche azioni statunitensi e un broker che ti permetta di operare nei mercati dove potrai trovare i titoli Amazon.

L’offerta di Amazon

I settori del business di Amazon sono ormai innumerevoli. In particolare l’intrattenimento, uno degli ultimi settori su cui la creatura di Jeff Bezos ha deciso di imporre la propria presenza sta letteralmente esplodendo rendendo in pochi mesi Amazon Prime Video il vero competitor di Netflix.

Ma vediamo nel dettaglio tutti i prodotti Amazon.

Amazon Prime

È il servizio in abbonamento che azzera le spese di spedizione e permette agli abbonati di ricevere i propri acquisti in un arco di tempo minore rispetto ai tempi standard. E non solo, infatti include in se anche la possibilità da parte degli utenti di usufruire di contenuti audio e video.

Amazon Prime Video

È la piattaforma di video on-demand che sta dando filo da torcere a Netflix, il colosso dell’on-demand per eccellenza.

L’offerta continua ad arricchirsi di contenuti e produzioni di una qualità sempre più alta.

Amazon Music

Nata nel 2007 è la piattaforma di streaming online musicale che, ad oggi, offre ai propri clienti una svariata scelta fra più di 20 milioni di brani.

Amazon Kindle

Amazon non si è fermata al cartaceo e ha voluto lanciare anche il proprio dispositivo e-reader direttamente collegato alla piattaforma Amazon Kindle Store, dove poter acquistare e leggere riviste, e-book e giornali.

Amazon Fashion

Amazon Fashion è il segmento dell’offerta Amazon dedicato all’abbigliamento online, in cui è possibile per gli utenti di Amazon Prima comprare, provare ed eventualmente restituire gli articoli acquistati.

Amazon Fresh

È il servizio di consegna di generi alimentari freschi come frutta, verdura, carne e prodotti ittici attualmente disponibile soltanto negli Stati Uniti, in Germania, nel Regno Unito, in Giappone e in India.

Amazon Web Services

Amazon non è “solo” un e-commerce o una piattaforma di intrattenimento su più fronti, ha infatti deciso di diversificarsi ulteriormente offrendo alle aziende il servizio di cloud computing, ovvero dei grandi spazi di archiviazione digitale.

La storia di Amazon

Jeff Bezos fonda Amazon.com nel 1994. Il progetto nasce come una piattaforma e-commerce specializzata in libri e il business plan dell’azienda verrà creato da Bezos nel sedile passeggero della sua macchina mentre l’ex moglie Mackenzie guidava da New York a Seattle.

In origine si sarebbe dovuto chiamare Cadabra Srl, ma successivamente Bezos, pensando che il nome avesse delle assonanze con il termine “cadaver”, optò per registrare il dominio Amazon dopo averne letto la definizione nel dizionario che recitava: “Il Rio delle Amazzoni, il fiume più lungo della Terra; la libreria più grande della Terra.”.

L’azienda viene lanciata nel 1995 e in soli due mesi riesce a raggiungere un ricavo settimanale di 20.000 $ vendendo in 50 stati USA e in 45 paesi stranieri.

Il resto è storia, con il tempo il catalogo merceologico si è sempre più ampliato e ad oggi Amazon è una realtà mondiale dal fatturato di 232 miliardi di dollari e il suo fondatore è a tutti gli effetti, secondo Forbes, la persona più ricca del mondo con un patrimonio personale di 36 miliardi di dollari.

Sei alla fine di questa guida, ma se vuoi scoprire le altre opportunità di investimento da tenere in considerazione in questo particolare periodo clicca qui


Entra a far parte del Club Supercoin. E’ Gratis!

Ottieni l’accesso a contenuti esclusivi via mail e qui sul sito con consigli pratici e immediatamente applicabili sui soldi.

Clicca qui sotto e rispondi a poche semplici domande.







Redazione di Supercoin
Ciao, sono Supercoin, il supereroe che lotta ogni giorni per salvare i tuoi soldi! Un salvadanaio che, come Clark Kent, si è travestito da eroe ed è in missione per fornirti chiarezza per tutte le decisioni finanziarie. Perché tutti abbiamo diritto ad essere informati correttamente su ciò che fa parte della nostra vita quotidiana: i soldi. Leggi chi scrive a mio nome!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here