juventus




La sconfitta della Juventus con l’Atletico Madrid di ieri non porta solo tristezza e sconforto ai tifosi e ai suoi sostenitori. La Juventus in borsa infatti passa una brutta giornata buttando giù del 10% il titolo e perdendo ben 140 milioni in termini di capitalizzazione. La qualificazione ai quarti infatti, permetterebbe alla società di ottenere oltre 10 milioni di euro. Prima della partita di ieri, la società aveva appena puntellato le sue finanze con l’emissione dei bond. Nel frattempo Cristiano Ronaldo scuote i suoi compagni di squadra con un “Crediamoci!”.

Brutta “partita” anche in borsa per la Juventus

Si è messa male in campo per la Juventus mentre a Piazza Affari il titolo si è fatto notare con un crollo che ha scosso un po’ tutti gli investor. Infatti, il titolo crolla proprio il giorno dopo una partita che ha visto il KO della squadra per 2 a 0 a favore dell’Atletico Madrid, e al contempo ha visto allontanarsi i quarti di finale e i bonus che la società potrebbe prendere in caso di vittoria. Ora tutti gli investor e addetti ai lavori aspettano un ribaltamento del risultato per continuare a investire o meglio a credere nuovamente nel titolo della società calcistica. 

Infatti, anche gli investitori devono fare i conti con 90 minuti tragici. Il titolo non è riuscito a far prezzo durante l’avvio della giornata in borsa e ha registrato un tracollo del 13%. Durante le ore di scambi le azioni bianconere hanno perso ben 10 punti ed è passata subito all’asta di volatilità. La perdita di capitalizzazione di 140 milioni di euro comunque non ha toccato le azioni che rimangono a un +76% rispetto all’ultimo anno. Anche se il prezzo attuale di 1,29 ad azione è ben al di sotto dell’1,67, raggiunto dopo l’arrivo di Cristiano Ronaldo.

Bilancio puntellato in modo preventivo una scelta ottimale

La Juventus appena entrata nell’indice Ftse Mib insieme ad Amplifon, mandando fuori due titoli storici come Mediaset e Banca Mediolanum, è sicuramente sotto gli occhi di tutti, essendo diventata una delle 40 principali azioni italiane. Forse proprio per la sua presenza nel Ftse Mib la società ha scelto di puntellare il bilancio in modo preventivo, resta comunque da salvare la missione sportiva, perché senza la coppa, i proventi che la società ambiva a ottenere sfumeranno.





Silvia Faenza
Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali all'Università del Salento, nel 2014. Dopo la laurea, inizia il suo percorso all'interno di un'agenzia di Marketing farmaceutico, approdando l'anno dopo nel mondo della scrittura e dell'editing per il web. Dal 2015 si occupa della gestione dei contenuti in ambito business e personal finance. Scopri di più sulla redazione qui

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here