L’Italia è in ripresa specie per le vendite all’estero per quanto riguarda il mercato del vino. Attualmente il vino made in Italy, secondo quanto emerso dagli ultimi dati Istat sul rapporto Iri e sulle esportazioni hanno visto un incremento rispetto all’anno passato.

Mercato internazionale del vino: nuovo record per le aziende italiane

Considerando i mercati internazionali, durante il 2018, le etichette italiane hanno presentato un anno da record. Infatti, quest’anno i guadagni hanno superato la quota dei 6,2 miliardi di euro con un incremento del 3,3% rispetto al 2017. Il dato positivo sul fatturato estero ha fatto contraltare la flessione che si è vista invece sulle quantità di vino commercializzate. Infatti, il numero di prodotti venduti è calato dell’8,1%, ma questo è il risultato di una strategia che punta a rafforzare prezzi medi e valori delle bottiglie prodotte in Italia. 

Un business sempre più in crescita

Il vino nobile di Montepulciano secondo le elaborazioni effettuate dalla Fondazione Qualivita e in base ai dati Istat, le due principali destinazione per il vino prodotto in Italia sono la Germania e gli Stati Uniti, entrambe le nazioni rispetto l’anno scorso hanno speso una cifra maggiore del 4%. Molto positivi anche i dati registrati in paesi che producono loro stesso vini di qualità come ad esempio: l’Australia e la Francia, dove le vendite delle etichette italiane hanno visto un aumento del 18,5%. 

Diffusi i dati dell’Iri sulle vendite del vino in Italia

Ieri sono stati diffusi anche altri numeri rilevanti per il settore del vino italiano. Il rapporto dell’Iri sulle vendite del vino nel settore della grande distribuzione organizzata, secondo le anticipazioni di ieri, nella Gdo italiana durante il 2018 sono stati venduti 619 milioni di vino che hanno portato a un giro d’affari pari a 1,9 miliardi di euro con una percentuale di aumento rispetto al 2017 pari al 2,9%. L’andamento altalenante ha visto una ripresa positiva nei primi due mesi del 2019. Le vendite sugli scaffali ha denotato un aumento specie per i vini Doc e Docg. Il dato dell’Iri dimostra infine che il prezzo medio del vino al litro è aumentato nel complesso di circa il 7,7%. 

Silvia Faenza
Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali all'Università del Salento, nel 2014. Dopo la laurea, inizia il suo percorso all'interno di un'agenzia di Marketing farmaceutico, approdando l'anno dopo nel mondo della scrittura e dell'editing per il web. Dal 2015 si occupa della gestione dei contenuti in ambito business e personal finance. Scopri di più sulla redazione qui

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here