Come sempre più frequente, oggi anche i tweet di imprenditori e capi di tasto possono portare dei repentini cambiamenti in borsa, e annunciare novità sorprendenti.

Questo è il caso di Tesla, Elon Musk infatti, in un suo brevissimo tweet ha dichiarato: Sto pensando di privatizzare Tesla a 420 dollari per azione. 

Dopo che per la seconda volta non ha raggiunto il risultato trimestrale sperato, Elon Musk sembra deciso a portare la società fuori da Wall Street. Questa dichiarazione improvvisa, sembra aver improvvisamente portato Tesla all’attenzione di molti investor che hanno comprato le azioni portando la società ad un aumento in giornata pari all’11%.

Nessuna smentita o conferma da parte di Tesla

Ciò che Elon Musk ha dichiarato mediante un tweet, al momento non ha visto conferme o disdette da parte della società. Al momento, Tesla ha un valore di 71,3 miliardi di dollari, e di 82 miliardi se si include il debito.

Il colosso delle auto elettriche dopo la dichiarazione ha visto subito un rialzo in borsa, ma dato che la notizia non era stata data in via ufficiale, e che non c’era alcuna conferma di tale decisione, Wall Street ha dovuto sospendere il titolo per più di un’ora e solo alla chiusura della borsa, è giunta una precisazione da parte della società. 

Tesla infatti, alla fine ha reso noto che secondo quanto riportato da una mai ai dipendenti della società da parte di Elon Musk: sarebbe una buona opportunità e porterebbe via le forti distrazioni legati agli sbalzi del titolo in borsa, scegliere la via della privatizzazione. 

Perché Tesla vuole lasciare Wall Street

L’obbiettivo finale di Elon Musk, sarebbe dunque quello di rilanciare l’azienda, di uscire dai mercati e di evitare gli assilli degli investitori ai quali è necessario rendere conto giorno dopo giorno. Come precisa il CEO della società: essere un’azienda quotata ci sottopone all’esposizione dei risultati trimestrali che stanno esercitando una grande pressione su Tesla, e che la portano a prendere decisioni improvvise e non sempre giuste in un determinato periodo.

Se veramente quanto riferito avvenisse, l’uscita di Tesla dalla borsa di Wall Street sarebbe una delle operazioni di leverage boyout più grandi della storia. Per fare ciò però Musk che ne controlla il 20% dovrebbe sborsare all’incirca 66 miliardi di dollari.

Anna Porello - Supercoin.it
Laura Magistrale in Marketing e Comunicazione d’Impresa (2004) conseguita a pieni voti presso l’Università degli Studi di Torino e Master di II livello presso la Facoltà di Economia di Torino (2006). Scopri di più su Anna e la redazione qui

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here