Netflix




I ricavi trimestrali di Netflix sono rimasti deludenti mentre la crescita degli utenti è insufficiente a soddisfare le attese degli analisti.

Netflix ieri, al NASDAQ ha visto un calo del 4%. Al momento il mercato non è soddisfatto, nonostante durante il 2018 l’azienda abbia visto un numero degli abbonati in crescita, il problema deriva però dall’aumento delle spese necessarie per riuscire a creare contenuti esclusivi a marchio Netflix in grado di contrastare la concorrenza.

Aumentano i prezzi e gli abbonati ma gli investitori non sono soddisfatti

Negli Stati Uniti Netflix ha deciso di aumentare i prezzi, l’aumento è stato al quanto evidente e secondo il gruppo di streaming questo è necessario guardando ai guadagni della piattaforma e alle differenze tra il 2017 e il 2018. Infatti, nel quarto trimestre gli utili del 2017 sono stati 186 milioni, mentre nel 2018 l’utile è stato di 134 milioni di dollari.

Gli utili dell’azienda a causa delle entrate in diminuzione, hanno portato il prezzo per ogni azione da 41 a 30 centesimi, la cifra rimane comunque sopra il consenso di 24 centesimi. Nonostante ciò se si considerano i ricavi trimestrali questi sono saliti del 28% raggiungendo i 4,19 miliardi. Al di sotto dei 4,21 miliardi stimati dagli investitori e dal consenso.

Infine, come dimostrato dalle attese i margini operativi sono scesi tra il 5,2% e il 7,5% rispetto all’anno passato. Tra ottobre e dicembre Netflix ha detto di aver registrato comunque un incremento degli utenti pari a 8,8 milioni di nuovi abbonati. Il rialzo degli abbonati supera del 33% i 7,6 milioni che sono erano attesi dal gruppo, però è al di sotto dei 9,2 milioni delle previsioni degli investitori più esigenti.

Per i nuovi abbonati, troviamo 1,5 milioni di utenti provenienti dal mercato americano e 7,3 milioni per quelli internazionali. Secondo gli investitori, il numero dei nuovi abbonati statunitensi doveva essere pari a 1,8 milioni, mentre quelli internazionali dovevano essere 7,4 milioni.

I dati dunque, nonostante gli aumenti, sono stati al di sotto delle attese degli investitori e questo a portato il titolo a un calo in borsa.


Entra a far parte del Club Supercoin. E’ Gratis!

Ottieni l’accesso a contenuti esclusivi via mail e qui sul sito con consigli pratici e immediatamente applicabili sui soldi.

Clicca qui sotto e rispondi a poche semplici domande.







Silvia Faenza
Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali all'Università del Salento, nel 2014. Dopo la laurea, inizia il suo percorso all'interno di un'agenzia di Marketing farmaceutico, approdando l'anno dopo nel mondo della scrittura e dell'editing per il web. Dal 2015 si occupa della gestione dei contenuti in ambito business e personal finance. Scopri di più sulla redazione qui

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here