rottamazione Ter

I limiti restrittivi dati dal Saldo a Stralcio per pagare le cartelle dell’Agenzia delle Entrate, hanno portato in molti a dover rinunciare a questa soluzione. Per chi non rientra nel Saldo a Stralcio però è possibile optare per la rottamazione Ter che invece è aperta a tutti.

La conversione in legge del Decreto semplificazioni, infatti è possibile per chi non ha pagato entro dicembre le rate della rottamazione precedente di fare una nuovo domanda direttamente sul sito dell’agenzia delle Entrate. Le domande per la Rottamazione Ter sono in crescita, infatti dal 6 novembre al 7 febbraio sono state presentate già 260 mila domande. Il 20% in più rispetto all’anno precedente.

Come funziona la nuova Rottamazione Ter

La nuova rottamazione Ter permette di pagare le cartelle relative ai debiti che sono stati affidati all’agente di riscossione dal primo gennaio del 2000 sino al 31 dicembre del 2017. Tutti questi potranno pagare i debiti senza le sanzioni e gli interessi di mora, e tutte le maggiorazioni previste dalla legge. 

Questa nuova procedura prevede 10 rate uguali le prime due hanno scadenza il 31 luglio e il 30 novembre del 2019, successivamente le altre rate saranno da pagare nei mesi di febbraio, maggio, luglio e novembre sino al 2021. Se lo si desidera è possibile versare il totale anche in una soluzione unica entro il 31 luglio dell’anno prossimo. 

Questa nuova opportunità è pensata anche per coloro che hanno fatto la richiesta del saldo a stralcio e che non sono riusciti a rientrare in questo sistema. Quindi tutti gli esclusi dal saldo a stralcio entreranno in automatico nella rottamazione ter. 

Come richiedere la rottamazione?

La rottamazione Ter può essere richiesta direttamente online con il servizio fai da te disponibile sia per chi ha lo Spid, le credenziali Inps o quelle dell’Agenzia delle Entrate. Questo servizio prevede che si acceda al sito dell’Agenzia delle Entrate e di Riscossione e successivamente alla pagina della Definizione Agevolata 2018.

In questa sezione potrai vedere l’elenco delle cartelle e dei pagamenti da effettuare, dopo di ché procedere alla richiesta di rateizzazione. Una volta iniziato il processo basterà compilare le informazioni direttamente online e procedere all’invio telematico.

La seconda soluzione per richiedere la rottamazione Ter è andare all’agenzia delle Entrate e Riscossione, rivolgendosi direttamente allo sportello e procedere lì alla compilazione del modulo, che poi sarà inoltrato direttamente dall’impiegato.

Silvia Faenza
Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali all'Università del Salento, nel 2014. Dopo la laurea, inizia il suo percorso all'interno di un'agenzia di Marketing farmaceutico, approdando l'anno dopo nel mondo della scrittura e dell'editing per il web. Dal 2015 si occupa della gestione dei contenuti in ambito business e personal finance. Scopri di più sulla redazione qui

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here