Apple ha scelto di rivedere le stime sui ricavi al ribasso per l’ultimo trimestre del 2018. La decisione dell’azienda di Cupertino ha provocato la caduta del titolo, sino all’8%, a Wall Street e anche la sospensione degli scambi in via temporanea.

Oltre al crollo del titolo, si è vista una discesa anche dei future sui listini americani dopo il ribasso delle stime di Apple. Infatti, i future sul Nasdaq sono scesi del 2,2%, quelli del S&P 500 perdono dell’1,3% mentre sul Dow Jones l’impatto ha visto un calo dei future di 130 punti.

Perché Apple ha scelto di tagliare le stime?

Apple ha scelto di comunicare in anticipo agli investitori dei probabili report negativi, con un taglio delle stime. L’amministratore delegato dell’azienda Tim Cook ha scritto una lettera agli azionisti al fine di annunciare la frenata e ammettendo che i risultati veritieri dell’ultimo trimestre potrebbero essere differenti da quelle effettuate dall’azienda in precedenza.

Per il primo trimestre di esercizio contabile, la società di Cupertino ha stimato ricavi pari a circa 84 miliardi di dollari. Questi sono in calo rispetto alle previsioni che avevano stimato inizialmente dei ricavi pari a 91,5 miliardi.

Al momento dunque, la frenata prevista dalla società ha un significato ampliato in quanto si deve pensare alla domanda debole dello smartphone in Cina durante la stagione natalizia che si è appena conclusa. Cook infatti, afferma di non aver previsto una tale decelerazione delle vendite nel mercato cinese. Infatti, le vendite di iPhone, iPad e Mac nella seconda economia mondiale sono calate del 100% rispetto a quelle del 2017.

Un secondo fattore che ha portato a un taglio delle stime è la debole domanda per gli iPhone durante le feste. Infatti, coloro che hanno scelto di cambiare il vecchio iPhone con uno nuovo della serie X, sono molto meno rispetto a quelli che aveva prospettato l’azienda di Cupertino. Proprio il rallentamento sulle vendite dell’iphone è ciò che preoccupa di più gli investitori, che temono una saturazione del mercato per gli smartphone Apple. 

Apple: cosa succede sui mercati dopo la sua decisione

Dopo la decisione di Apple, che al momento è la seconda società per capitalizzazione al mondo, superata da poco da Microsoft, sicuramente l’impatto sui mercati è evidente. Infatti, Cook aggiunge con il suo annuncio a una pressione ulteriore sugli investitori globali che hanno iniziato il nuovo anno già con il timore di una possibile recessione e per le varie tensioni commerciali.


Entra a far parte del Club Supercoin. E’ Gratis!

Ottieni l’accesso a contenuti esclusivi via mail e qui sul sito con consigli pratici e immediatamente applicabili sui soldi.

Clicca qui sotto e rispondi a poche semplici domande.







Silvia Faenza
Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali all'Università del Salento, nel 2014. Dopo la laurea, inizia il suo percorso all'interno di un'agenzia di Marketing farmaceutico, approdando l'anno dopo nel mondo della scrittura e dell'editing per il web. Dal 2015 si occupa della gestione dei contenuti in ambito business e personal finance. Scopri di più sulla redazione qui

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here