assicurazione affitto




Stai per prendere una nuova casa in fitto? O forse sei il proprietario di un’immobile e stai per fare affittarlo a un nuovo inquilino? Se ti trovi in questa situazione devi prendere allora in considerazione un’assicurazione affitto.

Non ne hai mai sentito parlare? Allora sei nel posto giusto per scoprire come questa polizza possa essere utile sia per il proprietario sia per l’inquilino dell’immobile in fitto.

Quest’assicurazione naturalmente, non è obbligatoria, ma è il modo migliore per riuscire a preservare in entrambi i casi la spesa per una casa oppure l’investimento effettuato se si è proprietari.

Ma vediamo insieme come funziona e in cosa consiste l’assicurazione affitto nel dettaglio.

Cos’è e cosa copre l’assicurazione affitto

L’assicurazione affitto è una polizza che permette di proteggere l’immobile da alcuni danni che questo può subire mentre sussiste un contratto di locazione.

Questa polizza offre la possibilità di coprire sia i danni che sono causati dall’inquilino sia quelli che non dipendono dalla sua volontà, ma che possono verificarsi in via accidentale.

L’assicurazione rischio locativo dunque mette al riparo sia il proprietario dell’immobile sia l’affittuario, da eventuali somme necessarie per risarcire l’uno o l’altro nel momento in cui si verifichino degli incidenti che vanno a interessare l’immobile o nel caso in cui si danneggino le proprietà di terze persone.

Ad esempio, un affittuario che causa un danno in casa è per legge tenuto a risarcire il proprietario dell’immobile per ripristinare la casa al suo stato originario.

Una polizza per l’affitto può coprire varie situazioni, le voci assicurative dipendono da quelle proposte dalla compagnia ma anche dalle coperture extra che scegliere chi stipula il contratto.

In linea generale con un’assicurazione per l’affitto è possibile:

  • Ottenere una copertura per la Responsabilità Civile, quindi vengono coperti tutti quei danni imputabili al conduttore, oppure quelli accidentali che possono coinvolgere altri inquilini come ad esempio una rottura delle tubature che danneggia il soffitto o le mura di chi abita al fianco del conduttore.
  • Coprire tutti quei danni causati dagli incendi, scoppi, fughe di gas o perdite di acqua.
  • Assicurarsi contro il furto di beni all’interno dell’immobile.

Grazie a questa assicurazione dunque sia l’inquilino sia chi sceglie di affittare l’immobile possono vivere con maggiore tranquillità eventuali problemi che si possono verificare durante il contratto di locazione.

Quanto costa

L’assicurazione casa in affitto di base non ha un costo elevato, naturalmente ciò dipende dal tipo di immobile che si vuole assicurare, dalle varie estensioni di garanzia che si desidera richiedere, dai massimali scelti e dalla compagnia alla quale ci si affida.

In media, il costo di un’assicurazione casa in affitto si aggira tra i 120 e i 160 euro all’anno.

Quando non viene corrisposto il risarcimento?

La polizza rischio locativo di solito corrisponde il risarcimento all’inquilino o al proprietario dell’immobile a seconda delle garanzie inserite nel contratto nel momento in cui si è richiesta un’assicurazione per il rischio locativo.

Ci sono naturalmente dei casi in cui il risarcimento può non essere corrisposto.

Tra le probabilità principali, possiamo dire che il risarcimento non viene pagato nel momento in cui l’incidente che si verifica in casa è di origine dolosa (ad esempio se si appicca volontariamente un incendio).

Se ad esempio, nel contratto c’è una voce che protegge il valore dei beni dell’immobile in caso di furto, ma si lascia la porta di casa aperta o il sistema di allarme spento, allora l’assicurazione potrebbe non pagare il premio per negligenza.

In ogni caso, ti consiglio sempre di leggere attentamente il contratto per riuscire a comprendere quali sono i casi in cui l’assicurazione non corrisponde un risarcimento.

Come si richiede

La polizza per la casa in affitto può essere richiesta sia dal conduttore sia dal locatore indistintamente, naturalmente il pagamento del premio annuale dev’essere erogato da chi effettua la richiesta all’agenzia d’assicurazione.

In alcuni casi però, il proprietario di un immobile potrebbe chiedere al suo futuro inquilino di stipulare e pagare il premio della polizza, al posto di dare la famosa cauzione (ossia le due mensilità che vengono richieste per ottemperare ad eventuali spese, nel momento in cui l’affittuario andando via non lasci l’immobile nelle condizioni in cui lo ha trovato).

La cauzione però è limitata a una cifra ben precisa e quindi non riesce a coprire danni più gravi, che dovrebbero comunque essere corrisposti dall’affittuario.

Quindi anche nel caso in cui sia il proprietario dell’immobile a richiedere la stipula e il pagamento dell’assicurazione, questa si rivela comunque conveniente per entrambi, in quanto il primo non rischia di perdere i soldi per eventuali lavori non effettuati dall’affittuario, e quest’ultimo non corre il rischio di doversi trovare in un contenzioso con il proprietario per il risarcimento dei danni causati da lui nel tempo.

Quale scegliere

Oggi sono davvero molte le compagnie assicurative che danno la possibilità di richiedere un’assicurazione affitto. Per riuscire a fare una scelta consapevole e oculata però si consiglia sempre di valutare le varie proposte effettuate dalle principali compagnie assicuratrici e di rivolgersi principalmente a quelle più conosciute sul mercato e che presentano una lunga esperienza nel settore.

Il primo metodo per riuscire a scegliere la migliore compagnia assicuratrice prevede la richiesta di un preventivo alle varie agenzie che si trovano nelle tue vicinanze andando da loro di persona. Oppure puoi scegliere di chiamare al call center le varie agenzie e chiedere i preventivi per effettuare un confronto tra prezzi e coperture offerte.

Infine, il metodo di confronto più veloce è quello che prevede l’impiego di un comparatore online che ti dà la possibilità di controllare quali sono le offerte e i prezzi proposti dalle principali compagnie assicuratrici che operano sul mercato.

In ogni caso, quando scegli un’offerta valuta non solo in prezzo, ma relazionalo sempre alle coperture e ai massimali proposti dalla compagnia.

Quando conviene

L’assicurazione casa affitto come abbiamo già visto non è obbligatoria però può essere conveniente sia per il proprietario dell’immobile sia per l’affittuario.

Questa offre la possibilità di evitare di dover sborsare denaro all’improvviso per i danni subiti dall’immobile, inoltre si possono evitare anche dei fastidiosi contenziosi fra proprietario e inquilino, perché nel caso in cui ci siano dei danneggiamenti, che rientrano tra quelli previsti dalla polizza, sarà l’assicurazione a coprire i danni.

L’assicurazione casa affitto dunque risulta essere sempre conveniente oltre che più sicura rispetto alla semplice caparra.

Adesso che conosci l’assicurazione affitto non perderti le altre guide alle polizze per proteggere al meglio il tuo immobile. Le trovi tutte cliccando qui!





Redazione di Supercoin
Ciao, sono Supercoin, il supereroe che lotta ogni giorni per salvare i tuoi soldi! Un salvadanaio che, come Clark Kent, si è travestito da eroe ed è in missione per fornirti chiarezza per tutte le decisioni finanziarie. Perché tutti abbiamo diritto ad essere informati correttamente su ciò che fa parte della nostra vita quotidiana: i soldi. Leggi chi scrive a mio nome!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here