assicurazione professionale architetti, rc architetti




Se sei un architetto iscritto all’albo e stai per aprire uno studio o comunque hai già avviato da poco la tua attività professionale, allora avrai sentito che per legge dal 2013, come libero professionista in attività hai bisogno di stipulare un’assicurazione professionale architetti.

La RC professionale è dedicata a tutti coloro che esercitano la libera professione quindi sono compresi i pianificatori, gli architetti e i paesaggisti, con uno studio proprio o in società.

Nel caso in cui, si operi esclusivamente come architetto assunto da un ufficio pubblico o privato non è necessario stipulare l’assicurazione professionale obbligatoria, ma si può scegliere comunque di richiedere una polizza professionisti per coprire la propria attività da dipendente dalle richieste per danni gravi, come quelli previsti nel momento in cui si è accusati di negligenza.

Che tu sia un architetto che lavora come libero professionista, un dipendente pubblico o privato, sicuramente adesso vorrai sapere come funziona la polizza professionale per gli architetti e cosa copre.

Cos’è e cosa copre l’assicurazione professionale architetti

L’assicurazione professionale architetti, permette di tutelare l’attività del libero professionista da danni e colpe che possono essergli imputate da un cliente, dall’amministrazione pubblica o da parte di un’azienda privata.

Grazie a una polizza professionista, l’architetto si assicura che eventuali cause legali e denunce non vadano a intaccare i suoi beni patrimoniale, inoltre è coperto dalle cosiddette “colpe gravi” (come la negligenza), e da tutte quelle attività che potrebbero essere considerate dannose per cliente e quindi imputabili a un lavoro svolto in maniera errata dal professionista.

L’assicurazione professionale architetti prevede una copertura per la responsabilità civile che tutela anche i danni che potrebbero verificarsi durante lo svolgimento della sua attività.

Se, ad esempio, durante la direzione dei lavori, si fa male un operaio a causa di indicazioni errate questo potrebbe richiedere un risarcimento all’architetto che dirige i lavori, sarà poi però, l’assicurazione ad assumersi l’onere del pagamento.

In linea generale, una polizza professionale architetti può coprire:

  1. I danni causati a terze persone imputabili a una disattenzione dell’architetto;
  2. I danni a terze persone causati da opere progettate in stato di rovina parziale o totale. In questo caso, l’architetto pagherà solo una quota in base alla sua responsabilità, infatti anche la società costruttrice in questo caso è tenuta a rispondere di eventuali danni;
  3. Danni causati da una sospensione parziale o totale dell’attività professionale mentre si sta seguendo un progetto che per contratto prevedeva una specifica data di scadenza;
  4. Le responsabilità date dalle attività di direzione dei lavori, di controllo e di supervisione su un cantiere o in altri luoghi di lavoro;
  5. Le sanzioni che possono insorgere nel momento in cui si commettano errori di natura fiscale;
  6. Danni che derivano da un’interpretazione errata dei regolamenti locali e urbanistici;
  7. Quei danni che sono causati da un inquinamento accidentale come la contaminazione dell’aria, del suolo o dell’acqua. E tutti quei danni che provocano un’emissione di sostanze dannose per l’ambiente.

Quanto costa

Una polizza professionisti per gli architetti può avere dei costi onerosi, questi variano naturalmente in base all’agenzia alla quale ci si affida, al contratto siglato, i massimali e le clausole prescelte.

Ad esempio, le assicurazioni All Risk, che sono quelle più richieste, possono avere un premio annuale che va tra i 500 e i 1000 euro circa.

Per i giovani professionisti che hanno aperto da poco la loro attività i costi possono essere minori, infatti alcune assicurazioni hanno delle polizze dedicate ai giovani architetti, che hanno un premio annuale tra le 200 e le 500 euro circa.

Infine, se si desidera risparmiare è possibile scegliere di contrarre un’assicurazione professionisti collettiva come quella proposta dalle casse previdenziali di coloro che sono regolarmente iscritti all’albo degli architetti.

Quando non viene corrisposto il risarcimento?

Ci sono dei casi in cui, l’assicurazione può scegliere di non corrispondere il risarcimento. Le esclusioni della polizza si possono leggere direttamente nel contratto siglato con la compagnia.

Le motivazioni per le quali l’assicurazione può scegliere di non corrispondere un risarcimento sono diverse anche in base all’agenzia alla quale ci si affida, posso però elencarne alcune previste dalla maggior parte delle polizze.

Le principali esclusioni prevedono che l’assicurazione non paghi: 

  • Per gli atti considerati illeciti che si sono verificati prima di aver siglato la polizza, di cui l’assicurato era a conoscenza;
  • La falsa iscrizione all’ordine degli Architetti;
  • Nel contratto l’architetto risulta essere anche l’appaltatore edile;
  • Si devono effettuare lavori ad alto rischio come quelli sulle funivie, gallerie, ferrovie, opere subacquee e costruzione delle dighe;
  • In caso di ingiuria, danni conseguenziali, diffamazione, insolvenza;
  • Se si commettono atti dolosi e frodi.

Come si richiede

La richiesta per l’assicurazione professionale architetti può essere effettuata presso le principali compagnie che operano regolarmente in Italia. Per effettuare la richiesta è necessario inviare alla compagnia specifici documenti come l’iscrizione all’Albo e il tipo di attività che si svolge.

Ad esempio, la polizza potrebbe cambiare se si opera come liberi professionisti oppure se questa è un’integrazione a quella già fornita dall’azienda (o amministrazione pubblica), per la quale si opera in via esclusiva come dipendenti regolarmente assunti.

Se si opera come liberi professionisti, l’assicurazione di solito può chiedere varie informazioni all’architetto come:

  • Numero della Partita IVA;
  • Nome dell’eventuale società;
  • Ubicazione dello studio;
  • Numeri di clienti all’attivo.

Quando si è in possesso di tutti questi dati, si può procedere alla richiesta presso una compagnia d’assicurazioni e siglare un contratto in base alle proprie necessità.

Quale scegliere

Per scegliere la migliore assicurazione professionisti architetti è possibile decidere se siglare quella proposta dal proprio ente previdenziale che comprende anche l’assicurazione professionale ingegneri, oppure se si vuole stipulare una polizza professionale privata e personale.

Nel primo caso, bisogna rivolgersi all’Inarcassa e controllare qual è la compagnia assicuratrice con la quale la cassa architetti e ingegneri ha scelto di convenzionarsi. Se il contratto e il prezzo per te sono idonei, allora puoi affidarti direttamente a questa polizza, che generalmente è più conveniente di una privata.

Se invece desideri stipulare una polizza assicuratrice da privato, allora puoi iniziare la tua ricerca online e controllare sui siti di comparazione per riuscire a vedere i contratti proposti, i massimali, le eventuali clausole e soprattutto i vari prezzi proposti.

Quando conviene

Come accennato all’inizio della guida, l’assicurazione professionisti architetti è obbligatoria dal 13 Agosto del 2013 per tutti coloro che operano come liberi professionisti e per chi lavora in Studi Associati e figura in questa come socio e collaboratore dell’attività svolta dallo studio.

L’assicurazione professionista architetti però è consigliata anche nel caso in cui si operi come dipendente per uno studio, azienda privata o per la pubblica amministrazione.

Infatti, queste anche se presentano un’assicurazione contro la responsabilità civile, per le colpe gravi (come la negligenza, gli errori durante la direzione dei lavori, inquinamento ambientale ecc…) potrebbero rifarsi sull’architetto che ha seguito il progetto e chiedere a lui parte del risarcimento.

In questo caso, se si ha un’assicurazione professionale All Risk, sarà la polizza a corrispondere il risarcimento, senza intaccare i tuoi beni personali.

Non è il prodotto che stavi cercando? Clicca qui per andare nella sezione dedicata per trovare tutte le altre polizze adatte a te!


Entra a far parte del Club Supercoin. E’ Gratis!

Ottieni l’accesso a contenuti esclusivi via mail e qui sul sito con consigli pratici e immediatamente applicabili sui soldi.

Clicca qui sotto e rispondi a poche semplici domande.







Redazione di Supercoin
Ciao, sono Supercoin, il supereroe che lotta ogni giorni per salvare i tuoi soldi! Un salvadanaio che, come Clark Kent, si è travestito da eroe ed è in missione per fornirti chiarezza per tutte le decisioni finanziarie. Perché tutti abbiamo diritto ad essere informati correttamente su ciò che fa parte della nostra vita quotidiana: i soldi. Leggi chi scrive a mio nome!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here