L’agenzia di rating Moody’s taglia le stime previste per la crescita dell’Italia, anche se il rating del nostro paese rimane invariato. Secondo Moody’s la stima iniziale era di una crescita del Pil italiano pari all’1,3%. Quest’anno però secondo l’agenzia le stime vanno decurtate scendendo così a un valore allarmante tra lo 0 e lo 0,5%.

Quanto riguarda il rating abbassato già lo scorso ottobre, la lead analyst dell’agenzia per l’Italia ha affermato che: si presenta un outlook stabile, questo copre un arco tra i 12 e i 18 mesi nei quali non sono stati visti dei cambiamenti. Inoltre abbiamo denotato una crescita bassa per un paio d’anni a questa parte, sempre sotto l’1%. 

Moody’s: secondo la data analyst Muehlbronner taglio delle stime per mancanza di riforme

Sempre secondo le dichiarazioni della data analyst Muehlbronner, per l’italia si assume un deficit pari al 2,5% sia per quest’anno sia per il prossimo. Per quanto riguarda invece il pacchetto riforme, afferma critica che l’Italia necessità di una nuova riforma dedicata sia alla pubblica amministrazione sia nel mercato del lavoro, sia nel campo della competitività con altri stati esteri sia nel campo della pubblica amministrazione.

Infatti, anche se c’è stata qualche nuova riforma, queste non bastano per riuscire a modificare in positivo l’outlook di crescita dell’Italia. Secondo la Muehlbronner ci sono delle buone proposte come quelle per la semplificazione delle tasse, ma sono troppo basilari per riuscire a innescare il processo di rivoluzione nel campo del lavoro e della pubblica amministrazione che servirebbe per migliorare la crescita del paese.

Inoltre, nell’agenda delle riforme di governo, non c’è nulla che porti a cambiare realmente le prospettive di crescita dell’Italia. In ogni caso, anche se le problematiche del paese sussistono e le stime sono state tagliate, secondo la data analyst non c’è il rischio che l’Italia possa “contagiare” il resto dell’Europa, né che possa avvenire il contrario.





Silvia Faenza
Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali all'Università del Salento, nel 2014. Dopo la laurea, inizia il suo percorso all'interno di un'agenzia di Marketing farmaceutico, approdando l'anno dopo nel mondo della scrittura e dell'editing per il web. Dal 2015 si occupa della gestione dei contenuti in ambito business e personal finance. Scopri di più sulla redazione qui

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here