Postepay Evolution o N26

Non sai proprio che carta scegliere tra Postepay Evolution o N26?

Non preoccuparti, sei nel posto giusto: sono in molti a trovarsi spiazzati dall’universo delle carte di pagamento, che diventa sempre più evoluto ed articolato ogni giorno che passa, ma cercherò in questo articolo di rispondere a qualche domanda e fornirti suggerimenti utili per individuare la scelta migliore. A proposito voglio prima mostrarti la mia selezione delle migliori carte dell’anno:

  • Circuito Mastercard
    Banca N26
    • Attivazione e canone a costo 0
    • Prelievi e bonifici gratuiti
    • Ti aiuta gestire le tue finanze
    • Prelevi e depositi anche al supermercato
    • La attivi in 8 minuti

    Vantaggi: Attivazione, canone, prelievi e bonifici sono a costo zero; prelevi e depositi soldi anche al supermercato; gestisci le tue finanze con lapp; la attivi in soli 8 minuti.

Canone
0 €
Vai »
  • Circuito Maestro
    Banca Banca Mediolanum
    • Attivazione e canone gratis
    • Puoi richiedere anche la carta di credito
    • Puoi richiedere prestiti in tempo reale direttamente dall'app
    • Puoi fare trading online

    Vantaggi: attivazione e canone gratuiti, ti permette di richiedere prestiti personali in tempo reale tramite app, puoi fare trading online.

Canone
0 €
Vai »
Canone a 0€ per i primi 12 mesi
Canone a 0€ per i primi 12 mesi
  • Circuito Mastercard
    Banca Banca Sella
    • Account Aggregation per tenere sotto controllo tutti i tuoi conti
    • Voice Banking per operare tramite Alexa e Google Home
    • Bonifici gratuiti
    • Nessun costo di ricarica
    • Paghi tramite smartphone con Google Pay
    • Fino a 300€ di Bonus Esperienze in regalo

    Vantaggi: ha un aggregatore di conti, puoi operare tramite Alexa e Google Home, bonifici e costi di ricarica gratuiti, puoi pagare tramite smartphone con Google Pay, ti regala fino a 300€ di Bonus Esperienze.

Canone
0 €
Vai »
Canone a 0€ per i primi 3 mesi
Canone a 0€ per i primi 3 mesi
  • Circuito Mastercard
    Banca Tinaba
    • Paghi con il contactless, senza inserire il PIN e semplicemente avvicinando la carta al POS
    • Crei casse comuni per i tuoi acquisti
    • Nessuna commissione ricaricando tramite il wallet Tinaba

    Vantaggi: la carta è contactless, puoi creare delle casse comuni per pagare in ristoranti e altre strutture, non paghi le commissioni ricaricando tramite il wallet Tinaba

Canone
0 €
Vai »
10€ in regalo con il codice
10€ in regalo con il codice

Se prima eri abituato ad effettuare i tuoi acquisti in denaro contante, ora con tutta probabilità  ti trovi sempre più proiettato nel mondo dei pagamenti elettronici, specialmente se sei appassionato di tecnologia e novità dal mondo fintech.

Le soluzioni di pagamento diventano infatti sempre più smart e se l’home banking sembrava fino a pochi anni fa quasi rivoluzionario, ora tutte le funzionalità di una banca sono racchiuse in semplici app, raggiungibili premendo un’icona sul tuo smartphone.

Gli scenari futuri che si prospettano sono decisamente avvincenti e sono numerosi ormai i player che offrono soluzioni di pagamento elettronico, ognuna con caratteristiche specifiche ed obiettivi differenti.

Parliamo in questo post di due prodotti che potrebbero fare al caso tuo, confrontandone tutte le peculiarità ed aiutandoti a capire quale sia più adatta alle tue esigenze: Postepay Evolution vs N26, quale sarà la più giusta per te?

Caratteristiche e differenze delle due carte

Qual è la migliore tra le due carte di pagamento? Pur condividendo per alcuni versi caratteristiche che le accomunano, per altri aspetti queste due soluzioni offrono caratteristiche rivolte a necessità e pubblici molto diversi

Partiamo col dire che entrambe le carte sono dotate di IBAN: utilizzandole potrai quindi non solo effettuare pagamenti, ma anche riceverli tramite un semplice bonifico bancario. Se sulla Postepay classica l’IBAN è assente, la sua versione Evolution, messa in circolazione in un momento successivo, integra questa caratteristica per molti fondamentale, in grado di aumentare effettivamente i potenziali utilizzi di ogni carta.Postepay Evolution o N26

N26 invece, essendo nata subito come carta conto, è provvista fin da subito di un IBAN: questo elemento è ormai diventato particolarmente comune tra tutte le carte di pagamento più moderne ed è raro trovare una soluzione che non offra oggigiorno questo utile plus. 

Cosa differenzia in concreto le due carte? Principalmente il fatto che N26 ti mette a disposizione un vero e proprio conto corrente con annessa relativa carta di pagamento, mentre entrare in possesso di una Postepay Evolution non comporta l’apertura di un alcun conto. Nella pratica comunque gestione e funzionalità delle due opzioni sono molto simili.

N26 inoltre è stata realizzata con un DNA decisamente più smart rispetto a Postepay Evolution ed il gap temporale che separa la creazione delle due carte è la causa principale di queste differenze basilari.

N26 ha infatti come proposito quello di inglobare un reale conto corrente, con tutte le sue features e le sue possibilità di gestione, all’interno di un’app per dispositivi mobili intuitiva, fruibile e dinamica: grazie alla sua natura di carta conto N26 permette ad esempio l’accredito dello stipendio o della pensione, l’effettuazione di pagamenti ricorrenti e addirittura l’addebito delle rate del mutuo.Postepay Evolution o N26

Una sostanziale differenza tra le due carte sta inoltre anche nelle modalità di attivazione. Se per richiedere una Postepay Evolution è necessario presentarti fisicamente in un ufficio postale, affrontando le consuete code o sfruttando l’opportunità di prenotazione del tuo ticket online, attivare una carta N26 è decisamente più semplice. Ti basta infatti sfilare il tuo smartphone dalla tasca, scaricare l’app e seguire il veloce procedimento per l’attivazione del conto, che richiede all’incirca 10 minuti.

Quale scegliere quindi tra Postepay Evolution o N26? Vediamo meglio i costi ed i limiti di utilizzo di entrambe, per poter rispondere con più cognizione a questa domanda.

N26 o Postepay Evolution: costi e commissioni

Anche per quanto riguarda i costi, tra le due alternative le differenze sono evidenti. N26 nella sua versione base, o Standard, non presenta nessun costo di attivazione, mentre Postepay Evolution ha un costo di 5€ per l’attivazione e un minimo di ricarica iniziale di 15€. A queste spese segue un canone annuo di mantenimento di 12€. 

N26 inoltre propone diversi piani a pagamento ai quali puoi accedere versando un canone mensile:

  • N26 Smart ha un costo di 4,90€ mensili;
  • N26 You di 9,90€ al mese;
  • N26 Metal, il più ricco di funzionalità, costa invece 16,90€/mese.

Quali funzioni offrono questi conti? Per fare un esempio, la versione Metal permette di prelevare gratuitamente all’estero in qualsiasi valuta ed integra una vantaggiosa copertura assicurativa per i viaggi, che include spese mediche urgenti, cancellazioni, ritardi sui voli e smarrimento o ritardo dei bagagli.

È presente anche un’assicurazione mobilità per i veicoli in sharing, una polizza per gli sport invernali in caso di incidenti, la copertura per i danni al tuo smartphone e per il noleggio auto all’estero.

Il canone da versare quindi è decisamente controbilanciato da una lunga serie di interessanti ed utili servizi, direttamente accessibili dal tuo conto N26. 

Per quanto riguarda le commissioni, N26 Standard applica:

  • una commissione di 2€ per i prelievi aggiuntivi oltre a quelli inclusi nel tuo piano
  • una commissione dell’1,7% dell’importo richiesto, in fase di prelievo all’estero 
  • una commissione dell’1,5% per la ricarica tramite in contanti il sistema Cash26

Per Postepay Evolution invece, oltre al canone annuo di 12€, le commissioni sono le seguenti:

  • 1€ per il prelievo presso gli uffici postali
  • 2€ per il prelievo presso un ATM bancario abilitato in Italia e sul territorio europeo
  • 5€ per il prelievo presso ATM bancario in paesi con valuta diversa dall’Euro + 1,10% dell’importo del prelievo
  • 1€ per bonifico in area SEPA dal sito postepay.it o 3,5€ dall’ufficio postale

Diamo un’occhiata ora alle modalità di ricarica e registrazione delle due carte di pagamento.

N26 o Postepay Evolution: registrazione e ricarica

Come già visto, è possibile attivare gratuitamente il piano base di N26 e valutare in seguito l’upgrade ad una delle sue versioni con servizi aggiuntivi a canone mensile. 

Se attivi Postepay Evolution invece, la spesa iniziale che dovrai affrontare è di 20€, ma 15€ saranno comunque subito disponibili sul tuo conto. Oltre a questa spesa immediata, dovrai considerare il canone di 1€ al mese: l’importo viene addebitato annualmente in unica soluzione.

Per quanto riguarda le modalità di ricarica, Postepay Evolution offre diverse opzioni:Postepay Evolution o N26

  • Versare il denaro in contanti, trasferirlo da un’altra Postepay o attraverso un conto Bancoposta direttamente all’ufficio postale;
  • Ricaricare direttamente la carta presso gli sportelli ATM Postamat;
  • Utilizzare l’app Postepay oppure ricaricare direttamente dal sito;
  • Effettuare un bonifico da un altro conto verso l’IBAN della tua Postepay Evolution.

La ricarica di N26 avviene invece secondo queste modalità:Postepay Evolution o N26

  • In contanti, tramite il sistema Cash26, un circuito di esercenti abilitati per questa operazione (in Italia ad esempio sono i supermercati del gruppo PAM ed i negozi Penny);
  • Tramite il sistema proprietario Moneybeam, che consente lo scambio di denaro tra gli utenti N26;
  • Effettuando un bonifico da un altro conto verso l’ IBAN della tua carta N26. 

Limiti di utilizzo

Come tutte le carte di pagamento, anche N26 e Postepay hanno dei limiti di utilizzo da tenere in considerazione. 

Con N26 infatti avrai infatti:

  • Un limite di prelievo bancomat giornaliero di 2.500€ (modificabile tramite l’app per smartphone);
  • 5.000€ di pagamento massimo giornaliero, sia online che nei negozi fisici;
  • Un limite di 1.000€ al giorno per bonifici tramite sistema Moneybeam; 
  • Nessun limite giornaliero invece per i bonifici in entrata ed in uscita;
  • 20.000€ di transazioni con carta complessive all’interno dello stesso mese.

Per quanto riguarda la carta Postepay Evolution i limiti sono invece i seguenti:

  • Un limite di prelievo giornaliero di 600€ e mensile di 2.500€, sia tramite ATM postamat o ATM generico abilitato;
  • Un limite di pagamento giornaliero di 3.500€ e mensile di 10.000€, su POS di esercenti terzi.

Postepay Evolution o N26: quale scegliere quindi?

Come sempre non esiste una risposta univoca a questa domanda e molto dipende dalle tue personali esigenze e dall’utilizzo che vorrai fare delle tue carte e conti correnti.

Magari sei un affezionato cliente di Poste Italiane o sei correntista Bancoposta da tempo e vuoi prendere in considerazione di integrare nel tuo set di soluzioni di pagamento una carta aggiuntiva: Postepay Evolution in questo caso fa esattamente per te.

Se invece semplicemente desideri richiedere la tua prima carta di pagamento potresti preferire, specialmente se sei giovane e super tech, un prodotto accessibile direttamente da smartphone, comodo da consultare in mobilità e ricco di funzioni digitali interessanti: N26 è  in questo caso la scelta migliore.

A livello di costi e commissioni probabilmente N26 è in vantaggio su Postepay Evolution, e direttamente nel piano gratuito offre funzionalità che non sono presenti invece su Postepay Evolution. 

Sei riuscito ora a capire quale alternativa, fra Postepay Evolution o N26, è fatta su misura per te e per le tue necessità? Se sei alla ricerca di una carta in grado di darti tutto a costi anche azzerati clicca qui e scopri la mia selezione delle migliori carte del momento.


Entra a far parte del Club Supercoin. E’ Gratis!

Ottieni l’accesso a contenuti esclusivi via mail e qui sul sito con consigli pratici e immediatamente applicabili sui soldi.

Clicca qui sotto e rispondi a poche semplici domande.


Redazione di Supercoin
Ciao, sono Supercoin, il supereroe che lotta ogni giorni per salvare i tuoi soldi! Un salvadanaio che, come Clark Kent, si è travestito da eroe ed è in missione per fornirti chiarezza per tutte le decisioni finanziarie. Perché tutti abbiamo diritto ad essere informati correttamente su ciò che fa parte della nostra vita quotidiana: i soldi. Leggi chi scrive a mio nome!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here