tan e taeg, taeg e tan




Quante volte ti è capitato di leggere i due parametri tan e taeg accostati a qualunque richiesta di finanziamento?

Vuoi sapere perchè è molto importante tenerli in considerazione nel caso in cui tu debba chiedere un prestito?

Continua a leggere per saperne di più.

Chiunque abbia mai stipulato un mutuo o un prestito sa che l’importo della rata, oltre alla durata e all’importo del finanziamento, è determinata da un altro fattore molto importante, vale a dire il tasso di interesse.

Quello che invece molti non sanno è come si calcola il tasso di interesse.

Se anche tu sei fra coloro che ignorano il calcolo tasso di interesse come avviene, continua a leggere perché in questo articolo di darò tutte le informazioni utili per sapere come fare a calcolare il tasso di interesse nominale di un contratto di mutuo o prestito.

Innanzitutto occorre sottolineare che oltre al tasso di interesse nominale, che corrisponde al costo teorico di un finanziamento (oppure, nel caso di un investimento, al rendimento effettivo percepito dallo stesso investitore), esiste anche il tasso di interesse effettivo, in cui oltre al tasso nominale solitamente calcolato su base annua, sono da includere anche tutti gli altri costi collegati all’operazione.

Fra questi costi sono da includere ad esempio le spese di istruttoria pratica, i costi delle polizze assicurative laddove previste e altre commissioni, come, ad esempio, quella relativa all’incasso rata o all’invio di documentazioni periodiche relative al prestito o finanziamento.

Questi due diversi tipi di tasso, il tasso globale effettivo medio e il tasso di interesse nominale annuo, detto anche tasso annuo nominale, sono indicati rispettivamente con le sigle Taeg e Tan.

Che ne dici quindi ora di vedere più da vicino Tan e Taeg cosa sono?

Cos’è il Tan

Per capire bene cos’è il Tan la cosa migliore è ricorrere ad un esempio pratico.

Mettiamo tu voglia acquistare un’auto usata e che per farlo debba chiedere un prestito e che tu alla fine scelga di aderire ad un’offerta di finanziamento di 5.000 € da rimborsare in 36 mesi, con una rata mensile da 150 euro.

Ora, moltiplicando velocemente l’importo della rata da 150 € per il numero di rate mensili previste, cioè 36, la somma che ottieni è 5.400 €, dove i 400 € “in più” corrispondono al costo effettivo del tuo prestito sulla base del Tasso annuo nominale o Tan previsto.

Questo ovviamente ammettendo, per assurdo, che la finanziaria non abbia previsto alcun tipo di spesa aggiuntiva al tuo prestito.

In altre parole, possiamo dire che il Tan corrisponde al costo del prestito tenendo conto solo degli interessi dovuti e non di tutte le altre spese possibili, come appunto le spese di avvio pratica e gli oneri fiscali previsti.

Cos’è il Taeg

Vediamo ora di capire meglio la differenza fra Tan e Taeg, spiegando a cosa corrisponde invece il Tasso globale effettivo di un mutuo o di un prestito.

Ritornando all’esempio descritto sopra, mettiamo che la società finanziaria che eroga il finanziamento necessario all’acquisto della tua auto applichi i seguenti costi aggiuntivi:

  • 16 € di apertura pratica;
  • 2 € l’anno di imposta di bollo;
  • Spese assicurative pari al 3% sul totale dell’importo finanziato (dunque se l’importo è pari a 5.000 € circa 150 €).

Sommando dunque queste spese agli interessi dovuti, l’importo complessivo della tua rata mensile aumenterà, così come aumenterà il costo complessivo del tuo finanziamento.

Bene, il Taeg non è altro che il tasso di interesse calcolato tenendo conto anche di tutte queste spese accessorie quindi non stupirti se in alcuni contratti viene indicato anche con la sigla ICS, che corrisponde a Indice Sintetico di Costo.

A rendere le cose più complicate c’è anche il fatto che tali spese spesso variano a seconda del numero di rate, dunque il calcolo del Taeg tenderà a modificarsi a seconda della durata stabilita da te per la restituzione del capitale preso in prestito.

Come calcolare Tan e Taeg

Se hai seguito e compreso tutto fino a qui, non occorre che ti spieghi che il Taeg è di norma maggiore del Tan, dato che di fatto il Tasso Effettivo include al suo interno anche il costo degli interessi, vale a dire il Tan.

Ricapitolando dunque il calcolo del Taeg include al suo interno:

  • Tan;
  • Spese di apertura pratica;
  • Eventuali spese di incasso rata;
  • Altre commissioni stabilite dalla banca o dalla società finanziaria per l’avvio dell’istruttoria;
  • Oneri fiscali quali imposte di bollo;
  • Spese di assicurazione obbligatoria previste;
  • Altri costi legati strettamente all’ ottenimento del prestito.

Non sono invece incluse eventuali penali o interessi di mora previsti nel caso di:

  • Ritardi nel pagamento delle rate;
  • Spese notarili nel caso di mutui;
  • Eventuali costi di gestione del conto corrente abbinato al prestito;
  • Costi di polizze per coperture assicurative non obbligatorie.

Tutto questo ora dovrebbe farti capire come, per valutare l’effettiva convenienza di un prestito e confrontare fra loro diverse offerte di finanziamento, sia sempre necessario conoscere anche il valore del Taeg.

Per quanto riguarda invece il calcolo del Tan, che corrisponde invece ai soli interessi, è utile sapere che è possibile risalire al tasso nominale quando si conosce l’importo rata mensile, importo finanziato e rata del prestito: facendo questo calcolo sarai così in grado di controllare se il tasso che ti viene applicato è quello che effettivamente ti è stato dichiarato al momento di sottoscrivere il contratto.

Un’eventuale discrepanza può essere invece il segnale che il Tan dichiarato includa invece costi accessori su cui ti conviene investigare.

Vuoi sapere come ottenere il miglior prestito alla migliori condizioni? Ecco 3 modi per ottenere subito i soldi di cui hai bisogno


Entra a far parte del Club Supercoin. E’ Gratis!

Ottieni l’accesso a contenuti esclusivi via mail e qui sul sito con consigli pratici e immediatamente applicabili sui soldi.

Clicca qui sotto e rispondi a poche semplici domande.







Redazione di Supercoin
Ciao, sono Supercoin, il supereroe che lotta ogni giorni per salvare i tuoi soldi! Un salvadanaio che, come Clark Kent, si è travestito da eroe ed è in missione per fornirti chiarezza per tutte le decisioni finanziarie. Perché tutti abbiamo diritto ad essere informati correttamente su ciò che fa parte della nostra vita quotidiana: i soldi. Leggi chi scrive a mio nome!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here