conto corrente per pensionati

Qual è il miglior conto corrente per pensionati? Quali sono le migliori offerte che hai a disposizione? Oggi ti parlerò di esigenze alquanto particolari – ovvero delle esigenze bancarie di chi ha smesso di lavorare e si sta finalmente godendo il frutto delle sue fatiche.

Ci sono davvero differenze tra i conti corrente per chi lavora e per chi invece è pensionato? Ci sono delle offerte particolari? Quali sono i criteri dei quali devi necessariamente tenere conto?

Su Supercoin puoi trovare tutti i migliori conti correnti a disposizione online. Ti basterà dare un’occhiata alla tavella qui sotto per individuare il conto che più possa fare al caso tuo.

Il contoPerché è il migliorePromozioneCome aprire il conto

Si gestisce totalmente dal tuo smartphone
/

Ti da l'American Express
150 € in Buoni Amazon

E' il conto innovativo che ti aiuta a risparmiare
/

In ogni caso nel corso di questa guida ti parlerò in maniera specifica dei conti corrente che più si adattano alle specifiche esigenze di chi percepisce una pensione.

Se vuoi saperne di più, continua a leggere!

Cos’è il conto corrente per pensionati?

Non esistono in realtà conti correnti specifici per i pensionati, nel senso che i pensionati possono tranquillamente utilizzare i conti corrente per le altre tipologie di cliente, fatta ovviamente eccezione per quelli che sono riservati ai minori o che incorporano dei specifici limiti di età.

Ci sono altre questioni che potrebbero però causare confusione, dato anche un recente intervento legislativo della Repubblica Italiana, che ha costretto le banche ad offrire un conto corrente di base, che i giornali hanno prontamente ribattezzato come conto corrente di base per famiglie o pensionati.

Si tratta di conti corrente che incorporano un tot di operazioni gratuite anche allo sportello (in realtà poche) e che offrono la possibilità di avere un conto davvero a basso costo.

Questo tipo di conto è l’unico adatto ai pensionati? È davvero la migliore delle opportunità che hai a disposizione? In realtà no, perché sono presenti tante, forse troppe limitazioni e restrizioni, nonostante siano in realtà disponibili conti online dai costi simili:

  • Il conto è accessibile soltanto a chi ha un assegno INPS inferiore ai 18.000 euro LORDI su base annua; se con la tua pensione superi questo limite, non potrai accedervi.
  • Nel caso in cui dovessi dimenticarti di comunicare ogni anno, entro la fine di Maggio, quanto percepisci di pensione, finiresti per vederti addebitate le spese per ogni operazione che hai effettuato!
  • Hai a disposizione un numero di operazioni non sufficiente ad operare con tranquillità: sono inclusi infatti 12 bonifici in uscita, 36 in entrata, 12 versamenti in contanti o di assegni, 6 operazioni di prelievo allo sportello. Riceverai sempre gratuitamente un estratto conto ogni 3 mesi.
  • Le banche sono obbligate ad offrirti una carta gratuita, che è però una carta Bancomat / Di Debito, con prelievo gratuito presso gli sportelli della banca, ma a pagamento presso gli sportelli delle altre banche.

I commentatori economici e finanziari più arguti hanno sottolineato come in realtà questo conto corrente non sia un regalo ai pensionati, ma alle banche, uno strumento per inglobare anche i più reticenti ad entrare nel mondo del sistema economico bancario.

Aggiungo io su Supercoin.it che questo conto corrente è inadeguato su diversi fronti:

  • Nessuna possibilità di gestire investimenti e risparmi.
  • Nessuna possibilità di gestire in modo avanzato il proprio conto.
  • Prevede commissioni altissime nel caso in cui dovessi superare il limite di operazioni che viene fissato appunto dalla banca.
  • Nessuna possibilità di gestire il conto in HomeBanking – anche se sei pensionato hai sicuramente una discreta dimestichezza con smartphone e telefono e potresti sicuramente avere maggiore comodità ad operare online invece che recarti allo sportello.
  • Il numero di 36 bonifici in entrata è insufficente poichè può essere facilmente superato, contando che ne utilizzerai più di un terzo soltanto per i versamenti dell’INPS a tuo favore.

Questa non può e non dovrebbe essere dunque la migliore possibilità che hai a disposizione. Puoi scegliere un conto per “pensionati”, tenendo conto di quelle che sono le tue reali esigenze e lasciando stare quello che ti propongono le banche.

Cosa deve avere un conto corrente per pensionati?

Le persone non sono tutte uguali e non lo sono neanche i pensionati. Ognuno ha esigenze diverse, che proverò a riassumerti più avanti, tenendo conto dei profili più comuni di lavoratore in pensione:

Gestione

Anche i pensionati hanno oggi la possibilità di utilizzare APP semplici e immediate per gestire i loro conti correnti. Oggi rifiutare l’homebanking o ritenerlo assolutamente inutile è decisamente sbagliato.

Generalmente i nipoti hanno tutti o quasi una carta prepagata con IBAN o comunque una carta che potresti ricaricare (anche per sfuggire alle ramanzine dei genitori!) direttamente dal tuo conto.

Inoltre i bonifici oggi sono un mezzo di pagamento sempre più diffuso e limitare quelli in uscita a 12 è spesso molto, molto limitante per le nostre attività quotidiane.

Costi

Ovviamente i servizi di cui hai bisogno non devono avere costi esorbitanti. Anche in funzione di questo, ti corre in aiuto la possibilità di operare online – in genere i conti correnti online, per pensionati e non, ti permettono di risparmiare in modo sostanziale – fino addirittura ad usare conti con operazioni illimitate che sono davvero a costo zero.

Carte

Magari potresti avere bisogno di una carta di credito per la comodità dei tuoi acquisti, oppure di una carta prepagata da associare al conto – qualunque sia la tua necessità, anche i conti correnti online possono soddisfarle, in genere inoltre a costi molto più bassi.

Risparmio e investimento

Se hai dei risparmi a disposizione, con ogni probabilità avrai bisogno di un sistema di gestione dei risparmi o comunque di accesso a strumenti finanziari semplici, come i conti deposito, oppure ancora di obbligazioni, piani di risparmio, assicurazioni. Ci sono diversi conti che ti permettono di associare piattaforme di risparmio molto semplici.

Offerte

Spesso i conti correnti ti permettono di ricevere dei bonus di benvenuto, che rendono ancora più conveniente il passaggio a quel conto; questo è un fattore che è in realtà valido per tutti e non solo per i pensionati.

Possibilità di accreditare la pensione

Il conto che andrai a scegliere ovviamente dovrà prevedere la possibilità di poter accreditare la pensione, così da trovarti accreditato quanto percepisci da INPS o da altro ente in modo automatico.

Tenendo conto di questi criteri, dovresti sicuramente lasciare perdere le offerte di base obbligatorie per legge da parte delle banche, che, come abbiamo visto insieme poco sopra, non è la migliore delle opzioni che hai a disposizione.

Come si apre un conto corrente per pensionati?

Abbiamo appena detto che la migliore delle opzioni che hai a disposizione è quella di cercare un conto corrente online che tenga conto delle tue esigenze di pensionato.

Quindi il primo passaggio è sicuramente quello di metterti alla ricerca di un buon conto corrente online, che rispecchi i punti di cui abbiamo appena parlato e che ti soddisfi appieno anche sotto il profilo dei costi.

I conti correnti online sono decisamente semplici da aprire, non avrai infatti bisogno che di fornire le tue generalità, una foto di un documento e il codice fiscale. In pochi minuti avrai il conto a disposizione, fatta eccezione per quei casi in cui dovrai riempire un modulo cartaceo e inviarlo via posta.

>>> Clicca qui per Scoprire i Migliori Conti Corrente Online a 0 Spese <<<

Nel caso invece in cui volessi operare con un conto corrente di base, di quelli imposti per legge, dovrai:

  1. Recarti presso la tua banca con un documento di riconoscimento e del codice fiscale.
  2. Autocertificare o un ISEE inferiore a livello di famiglia agli 11.600 euro, oppure un assegno INPS inferiore ai 18.000 euro annuali lordi.
  3. Resistere alle offerte di “miglioramento” da parte della banca – cercheranno quasi sicuramente di venderti un conto più costoso, e con maggiore operatività.
  4. Attendere che la banca, in qualche giorno, ti metta a disposizione la carta e la possibilità di operare tramite IBAN.

Il conto corrente di base europeo è un prodotto relativamente svantaggioso anche per quanto riguarda le modalità di richiesta. Sei sicuro che sia davvero quello di cui hai bisogno per gestire al meglio le tue finanze?

Cosa serve per richiedere un conto corrente per pensionati?

Nel caso in cui tu dovessi scegliere un conto corrente che la banca mette a disposizione soltanto per i pensionati, ti sarà comunque sufficiente andare a dimostrare di percepire un assegno INPS. Non ci sono in genere ulteriori adempimenti per quanto riguarda la possibilità di accedere a questo tipo di conti.

Diverso il discorso che riguarda invece il conto corrente di base: non ci sono limiti di età, ma dovrai comunque essere al di sotto di determinate soglie di pensione o di reddito. Nello specifico:

  • La tua famiglia deve avere un ISEE inferiore agli 11.600 euro.
  • In alternativa la tua pensione deve essere inferiore ai 18.000 euro lordi.

Per tutti gli altri conti correnti che pur essendo molto utili per i pensionati non sono specificatamente pensati per loro, non hai bisogno di rispondere a criteri particolari. Hai assoluta libertà di scegliere qualunque tipo di conto faccia al caso tuo.

Quali sono le migliori offerte di conti per i pensionati?

Ci sono diversi conti che, almeno secondo la mia opinione, potrebbero servirti al meglio per le tue esigenze di spesa e di gestione finanziaria.

CheBanca! Conto corrente online a zero spese

CheBanca! ti offre un conto corrente online a zero spese, che ti permette di gestire tutto tramite internet banking, con carta di credito (se la vorrai) e carta di debito associata.

A 0 spese, hai capito bene! Eccoti uno schema per capire di cosa sto parlando:conte deposito che banca

  • Bonifici: 0 € (3 € allo sportello)
  • Canone mensile: 0 €
  • Prelievi: 0 €
  • Costi di apertura: 0 €
  • Costo di imposta di bollo: 0 €
  • Estratto conto cartaceo: 0,8 €
  • Carta di debito: 0 €
  • Carta di credito: 0 € opzionale (gratuita con una spesa di 5.000 € all’anno, altrimenti 24 € all’anno)

Nel prospetto di spesa obbligatorio per tutti i conti vengono riportati i costi medi per utente e tipologia di operazioni che solitamente vengono effettuate in un anno.

I pensionati che fanno mediamente 122 operazioni l’anno, quindi stiamo parlando di 10 operazione al mese allo sportello pagano mediamente i seguenti importi:

E potrei andare avanti, ma mi sembra che ti sia ben chiaro che il conto Che Banca! sia il più indicato per le tue esigenze.

Allora cosa aspetti? Puoi aprire il tuo nuovo conto anche in filiale, ma se lo attivi oggi online avrai un buono di 150 € come omaggio di benvenuto.

>>> Apri Ora il Tuo Conto Corrente a Zero Spese <<<

L’alternativa: la carta prepagata con IBAN

Se vuoi un’alternativa davvero low cost, puoi anche scegliere di optare per una carta prepagata con IBAN: si tratta di una carta prepagata che può ricevere bonifici e che spesso ti permette di andare a gestire anche la tua pensione.

Le funzioni sono molto limitate, perché potrai fondamentalmente soltanto ricevere denaro e mandarlo via IBAN, nonché pagare con la carta o ritirare denaro.

Si tratta però di una soluzione estremamente economica, di gran lunga la più economica che hai a disposizione per gestire le tue finanze oggi.

>>> Clicca Qui per Scoprire le Migliori Carte Prepagate con IBAN <<<

Redazione di Supercoin
Ciao, sono Supercoin, il supereroe che lotta ogni giorni per salvare i tuoi soldi! Un salvadanaio che, come Clark Kent, si è travestito da eroe ed è in missione per fornirti chiarezza per tutte le decisioni finanziarie. Perché tutti abbiamo diritto ad essere informati correttamente su ciò che fa parte della nostra vita quotidiana: i soldi. Leggi chi scrive a mio nome!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here