poste italiane




Dietro una lettera spesso si cela un racconto, un sentimento pronto a correre centinaia di chilometri per passare dalle mani di un postino in quelle di un destinatario tanto sospirato. Quelli di Poste Italiane sanno però bene che ormai questo lato romantico è ormai demodè, e anche la loro attività si è differenziata col tempo.

Non solo più buste e francobolli, ma anche servizi bancari! E tu hai mai pensato di aprire un conto presso Poste Italiane?

Non guardarmi con quello sguardo attonito. Ti capisco e ti comprendo! Capirci qualcosa tra le miriade di filiali ed insegne è una fonte di stress indescrivibile. Ma a qualcuno dovrai pur affidare i tuoi risparmi?

Indosso il mio costume da supermaialino e vengo in tuo soccorso: ecco uno schema con i migliori conti corrente del momento:

Il contoPerché è il migliorePromozioneCome aprire il conto

Si gestisce totalmente dal tuo smartphone
/

E' il conto innovativo che ti aiuta a risparmiare
/

Ti riconosce l'1,6%/annuo per 6 mesi
100 € in buoni Amazon

Inoltre ho creato appositamente per te questa serie di recensioni sui principali gruppi bancari. Osserveremo nel dettaglio ogni prodotto offerto, e così le banche non avranno più segreti per te!

Oggi non consegnerò a Poste Italiane nessuna lettera strappalacrime, ma parlerò della sua offerta di servizi bancari. Sei pronto? Occhi ben aperti? E allora iniziamo!

L’istituto oggi

Poste Italiane, come già saprai, è una società che si occupa della gestione del servizio postale in Italia. Al tempo stesso, con lo scorrere degli anni, si è estesa anche al settore finanziario, assicurativo e della telefonia mobile.

Il suo quartiere generale si trova a Roma nella zona dell’Eur, e il fatturato nel 2017 ha toccato quota 33,44 miliardi di euro, registrando un utile di ben 689 milioni di euro.

La storia di Poste Italiane

La storia di Poste Italiane è longeva quanto la nostra nazione. Fu fondata per volere regio all’indomani dell’unificazione italiana, per la precisione nel 1862.

Già a partire dal 1875 furono istituite le prime casse di risparmio postali, che potremmo definire le antenate del servizio Bancoposta.

A partire dalla fine della seconda guerra mondiale, Poste Italiane intensificò le operazioni finanziarie, incrementando i servizi di risparmio attraverso il rilascio di libretti, emissioni di titoli e acquisendo, a scapito del sistema bancario, quasi tutti i pagamenti e le riscossioni dello stato.

Negli anni ’90 però il disavanzo di bilancio diventò un grave problema per Poste Italiane. Circa il 93% dell’entrate veniva assorbita dagli stipendi del personale, e i servizi offerti erano qualitativamente peggiori di tutti quelli degli altri paesi europei. All’epoca una lettera per essere consegnata necessitava una media di 8 giorni!

Intervenne direttamente lo Stato, il quale attraverso un decreto nel 1994 trasformò Poste Italiane da azienda autonoma ad ente pubblico economico.

Gli anni conclusivi del millennio si concentrarono sul raggiungimento del pareggio di bilancio. Una volta concretizzato questo obiettivo, la strategia aziendale puntò all’incremento dei servizi ponendo particolare attenzione all’aspetto innovativo e tecnologico.

Il simbolo della “rinascita” di Poste Italiane si osservò soprattutto nei suoi prodotti: nel 2003 prese vita la famosissima Postepay.

Anche i bilanci sempre in attivo confermarono il cambio di rotta, e a partire dal 2015 Poste Italiane fu anche quotata in borsa.

I prodotti offerti

Ovviamente in questa sezione ti parlerò esclusivamente dei servizi finanziari offerti da Poste Italiane. L’offerta presentata dal gruppo è piuttosto varia, perciò non perdiamo altro tempo, e iniziamo!

I conti corrente

I conti corrente di Poste Italiane si caratterizzano soprattutto per la loro essenzialità: un’offerta relativamente striminzita, ma che nonostante tutto potrebbe fare al caso tuo!

CONTO BASE POSTE ITALIANE

Il conto corrente di base è stato creato per coloro che necessitano di un’operatività limitata. Ricorda, che questa forma di conto basica è prevista dalla legge, ed ogni istituto di credito italiano si deve adeguare a tale direttiva.

Le condizioni del conto base Poste Italiane, così come per gli altri istituti sono le seguenti:

  • Nessun canone annuale;
  • 6 operazioni di prelievo direttamente allo sportello;
  • Prelievo illimitato presso gli ATM del gruppo;
  • 12 prelievi annuali su ATM di altri gruppi bancari;
  • Un totale di 36 bonifici tra ricevuti ed emessi;
  • 12 pagamenti attraverso bonifico bancario;
  • 12 versamenti contanti o versamento assegni;
  • Pagamenti illimitati tramite carta di debito

Questa forma base di conto è  riservato a persone con fasce con reddito ISEE annuo inferiore a 8.000 € o con trattamenti pensionistici fino a 18.000 € annui lordi.

CONTO BANCOPOSTA

Il conto Bancoposta è il prodotto principe per quanto riguarda i conti corrente di Poste Italiane. Potrà soddisfare le tue esigenze? Vediamo le sue caratteristiche nel dettaglio:

  • Canone mensile di 6 euro;
  • Prelievi gratuiti presso gli atm di Poste Italiane, mentre quelli presso altri gruppi costeranno 1,75 euro;
  • Carta BancoPosta inclusa;
  • App BancoPosta inclusa;
  • Su richiesta un carnet d’assegni gratuiti;
  • Sconti su spesa e carburante se pagherai con la tua carta BancoPosta presso gli esercizi convenzionati.

I conto deposito

Poste Italiane purtroppo non offre alcun conto deposito, ma semplicemente i famosi libretti postali. Qui di seguito ti indicherò i principali. Pronto per questa carrellata di informazioni?

Prima di iniziare però ti ricordo che i cosiddetti libretti al portatore di Poste Italiane sono stati definitivamente estinti dal 31 dicembre 2018 in seguito all’entrata in vigore  del decreto legge in materia di antiriciclaggio.

L’unica forma di libretto possibile sarà quella nominativa.

Che differenza c’è tra libretto al portatore e libretto nominativo?

Il libretto al portatore non ha un intestatario definito e può essere utilizzato da chiunque ne detenga il possesso. Invece, il libretto nominativo è associato ad uno o più soggetti (è anche possibile cointestarlo) e consente l’apertura di deleghe.

LIBRETTO ORDINARIO

Per sottoscrive un qualunque libretto con Poste Italiane dovrai per prima cosa rivolgerti ad un ufficio postale.

Cosa ti offrirà un libretto ordinario?

  • Potrai accreditare la tua pensione;
  • Potrai effettuare le operazioni anche attraverso la Carta Libretto;
  • Con la Carta Libretto potrai versare e prelevare attraverso gli Atm Postamat;
  • Potrai ricevere bonifici sul tuo libretto associando il tuo conto corrente bancario in ufficio postale;
  • Potrai sottoscrivere buoni fruttiferi postali;
  • Tasso al creditore 0,01 %.

LIBRETTO SMART

Il libretto smart potrebbe essere definito come la versione 2.0 del classico libretto. Per quale motivo?

  • Potrai gestire direttamente i tuoi risparmi attraverso l’app di Poste Italiane;
  • Il tasso d’interesse sarà più elevato. Per la precisione otterrai lo 0.4% per i primi 180 giorni di deposito, e successivamente il tasso tornerà allo 0,01%.
  • Potrai effettuare le operazioni anche attraverso la Carta Libretto;
  • Con la Carta Libretto potrai versare e prelevare attraverso gli Atm Postamat;
  • Potrai ricevere bonifici sul tuo libretto associando il tuo conto corrente bancario in ufficio postale;
  • Potrai sottoscrivere buoni fruttiferi postali.

LIBRETTO MINORI

Se hai intenzione di educare i tuoi ragazzi all’etica del risparmio, il libretto minori di Poste Italiane potrebbe essere una buona base di partenza.

L’offerta prevede tre tipologie di libretto per i minori:

  • Io cresco: dedicato ai bambini da 0 a 12 anni;
  • Io conosco: dedicato ai ragazzi dai 12 ai 14 anni;
  • Io capisco : dedicato ai ragazzi dai 14 ai 17 anni.

Nelle versioni “io conosco” ed “io capisco” è inclusa anche la carta Io attraverso la quale i ragazzi potranno effettuare versamenti e prelievi. Tutto comunque avverrà sotto l’occhio vigile dei genitori, i quali potranno operare in autonomia sul libretto dei propri figli.

Anche in questo caso il tasso al creditore sarà dello 0,01 %.

Se sei interessato ad approfondire ancor di più l’argomento “libretti di Poste Italiane”, ti consiglio questa rapida lettura.

Prestiti

Hai un progetto da realizzare? Un sogno nel cassetto? O hai semplicemente bisogno di maggiore liquidità? Poste Italiane ha pensato ad alcune interessanti soluzioni di finanziamento. Vediamole insieme!

PRESTITO BANCOPOSTA

Il prestito Bancoposta cerca di venire incontro alle tue esigenze offrendoti:

  • La somma richiedibile sarà compresa tra 3.000 e 30.000 euro;
  • Il piano di rimborso sarà compreso tra 24 a 84 mesi;
  • Potrai richiedere il finanziamento presso l’ufficio postale più vicino;
  • TAEG 11,6 %.

PRESTITO BANCOPOSTA AUTO

Desideri regalare alla tua famiglia una bella station wagon? Il prestito Bancoposta auto di Poste Italiane potrebbe aiutarti in questo intento!

Quali saranno le sue caratteristiche?

  • La somma richiedibile sarà compresa tra 10.000 e 30.000 euro;
  • Il piano di rimborso sarà compreso tra 30 e 84 mesi;
  • Potrai richiedere il finanziamento presso l’ufficio postale più vicino;
  • Per richiedere il prestito dovrai essere titolare di Conto BancoPosta e di un libretto di risparmio ordinario;
  • TAEG max 9,33 %.

PRESTITO BANCOPOSTA CONSOLIDAMENTO

Il prestito consolidamento ti darà l’opportunità di riunire i tuoi prestiti già in essere in un’unica soluzione. Verserai così un’unica rata mensile e avrai meno pensieri!

Vediamo insieme le sue caratteristiche:

  • La somma richiedibile sarà compresa tra 3.000 e 50.000 euro se titolari di un conto BancoPosta;
  • La somma richiedibile sarà compresa tra 3.000 e 30.000 euro se titolari di un libretto nominativo ordinario di Poste Italiane;
  • Il piano di rimborso sarà compreso tra 30 e 84 mesi;
  • Potrai richiedere il finanziamento presso l’ufficio postale più vicino;
  • TAEG max 8,77 %.

PRESTITO BANCOPOSTA FLESSIBILE

A volte le rate sono un pensiero così opprimente in grado di generare dosi di ansia in quantità industriale. E se all’evenienza potessi saltarla o modificarne l’importo? Con il prestito flessibile di Poste Italiane potrai fare tutto ciò!

Osserviamo l’offerta nel dettaglio:

  • La somma richiedibile sarà compresa tra 3.000 e 30.000 euro;
  • Il piano di rimborso sarà compreso tra 24 e 108 mesi;
  • Potrai richiedere il finanziamento presso l’ufficio postale più vicino;
  • Per richiedere il prestito dovrai essere titolare di Conto BancoPosta;
  • Potrai decidere di cambiare l’importo di una rata, o saltarla e rimborsarla al termine del piano di ammortamento;
  • TAEG 11,6 %.

Come funziona l’opzione cambio/salto rata?

Al momento della sottoscrizione del contratto stabilirai:

  • Una rata base che sarà quella scelta al momento della richiesta di finanziamento;
  • Una rata alta che sarà la soglia massima che potrai versare per una singola rata. Più rate alte pagherai e più si accorcerà la durata del tuo finanziamento;

La rata bassa è la soglia minima sotto la quale non potrai scendere.

Potrai cambiare l’importo della rata ogni mese dopo aver rimborsato le prime sei rate, e non in contemporanea con l’opzione salto rata. Quest’ultima potrà essere utilizzata al massimo 3 volte.

PRESTITO BANCOPOSTA ACQUISTO CASA

Vorresti acquistare un’abitazione senza ricorrere ad un mutuo? Poste Italiane ti offre una possibilità di prestito finalizzato all’acquisto di un immobile o alle pertinenze dell’abitazione, come il garage o la cantina.

Quali saranno gli aspetti di questa soluzione?

  • La somma richiedibile sarà compresa tra 10.000 e 60.000 euro se titolari di un conto BancoPosta;
  • La somma richiedibile sarà compresa tra 10.000 e 30.000 euro se titolari di un libretto nominativo ordinario di Poste Italiane;
  • Il piano di rimborso sarà compreso tra 36 e 120 mesi;
  • Potrai richiedere il finanziamento presso l’ufficio postale più vicino;
  • TAEG max 8,22 %

PRESTITO BANCOPOSTA RISTRUTTURAZIONE CASA

Desideroso di donare un nuovo look alla tua casa? Allora valuta le condizioni del prestito Ristrutturazione Casa di Poste Italiane!

Che cosa ti offrirà?

  • Oltre alla ristrutturazione dell’immobile, potrai finanziare anche l’arredamento oppure pannelli solari e impianti fotovoltaici;
  • Potrai avere delle agevolazioni fiscali sulle spese sostenute ;
  • La somma richiedibile sarà compresa tra 10.000 e 60.000 euro se titolari di un conto BancoPosta;
  • La somma richiedibile sarà compresa tra 10.000 e 30.000 euro se titolari di un libretto nominativo ordinario di Poste Italiane;
  • Il piano di rimborso sarà compreso tra 36 e 120 mesi;
  • Potrai richiedere il finanziamento presso l’ufficio postale più vicino;
  • TAEG max 8,22 %

PRESTITO BANCOPOSTA ONLINE

Anche Poste Italiane si è adeguata all’era digitale, garantendoti l’opportunità di richiedere direttamente un prestito online. In che modo?

  • Dovrai essere un correntista bancoposta con accesso al servizio di internet banking;
  • Anche la sottoscrizione sarà online grazie alla firma digitale;
  • La somma richiedibile sarà compresa tra 3.000 e 30.000 euro;
  • Il piano di rimborso sarà compreso tra 24 e 84 mesi;
  • Avrai a disposizione l’opzione cambio/salto rata;
  • Potrai richiedere il finanziamento presso l’ufficio postale più vicino;
  • TAEG 11,6 %

Mutui

È giunto il momento di scoprire ciò che Poste Italiane suggerisce in materia di mutui. Troverai delle condizione vantaggiose per acquistare un immobile?

MUTUO BANCOPOSTA ACQUISTO

Il mutuo acquisto di Poste Italiane è dedicato a chi desidera comprare un immobile.

Quali sono le caratteristiche di questa formula?

  • Verrà finanziato fino all’80% del valore dell’immobile;
  • La durata del piano di rimborso sarà compresa tra 10 e 30 anni;
  • Non sarà prevista alcuna commissione in caso di estinzione anticipata;
  • L’iscrizione ipotecaria avverrà per un valore pari al 200% dell’importo del finanziamento.
  • Potrai optare per un tasso fisso, variabile oppure misto;
  • In caso di tasso misto potrai passare da tasso fisso a variabile, o viceversa, ogni 3 o 5 anni (verrà deciso al momento della stipula del contratto);
  • Avrai diritto all’opzione sospensione rata (massimo 3 volte e riservato solo al tasso fisso e variabile) e all’opzione flessibilità durata (riservata al tasso variabile)
  • TAEG 2,640 %.

MUTUO BANCOPOSTA RISTRUTTURAZIONE

E chi lo dice che i mutui sono finalizzati solo all’acquisto di un immobile? Con il mutuo ristrutturazione di Poste Italiane potrai dare una bella sistemata alla tua vecchia abitazione!

Vediamo nel dettaglio l’offerta:

  • Il finanziamento coprirà fino al 100% delle spese di ristrutturazione, purché non superino il 40% del valore dell’immobile;
  • La durata del piano di rimborso sarà compresa tra 10 e 30 anni;
  • Non sarà prevista alcuna commissione in caso di estinzione anticipata;
  • Potrai optare per un tasso fisso, variabile oppure misto;
  • In caso di tasso misto potrai passare da tasso fisso a variabile, o viceversa, ogni 2, 5 o 10 anni (verrà deciso al momento della stipula del contratto);
  • TAEG 2,584%.

MUTUO BANCOPOSTA GIOVANI

Il mutuo Giovani di Poste Italiane è riservato agli under 35 desiderosi di acquistare la loro prima casa.

A cosa ha pensato Poste Italiane ?

  • Verrà finanziato fino all’80% del valore dell’immobile;
  • La durata del piano di rimborso sara compresa tra 10 e 40 anni;
  • Non sarà prevista alcuna commissione in caso di estinzione anticipata;
  • Avrai diritto ad un preammortamento iniziale della durata massima di due anni, durante il quale pagherai una rata comprensiva solo degli interessi senza la quota capitale;
  • Potrai optare per un tasso fisso, variabile oppure misto;
  • In caso di tasso misto potrai passare da tasso fisso a variabile, o viceversa, ogni 3 o 5 anni (verrà deciso al momento della stipula del contratto);
  • Se opterai per il tasso fisso o variabile potrai sospendere il pagamento della rata e rimborsarla al termine del contratto (massimo 3 volte) e allungare la durata del mutuo fino ad un massimo di 10 anni;
  • TAEG 2,669%

Tecnologia e homebanking

Poste Italiane ha seguito con particolare attenzione l’evoluzione degli strumenti tecnologici e se n’è avvalsa anche per i propri servizi.

Oltre all’ormai classica possibilità di Internet Banking attraverso il sito ufficiale semplicemente inserendo le credenziali ottenute con l’apertura del conto, Poste Italiane ha creato un app per tenere le proprie finanze sempre sotto controllo dal proprio smartphone: App BancoPosta.

L’applicazione è gratuita e ti permetterà di fare tutte le operazioni previste in modalità Internet Banking.

Potrai controllare il saldo, la lista dei movimenti e gestire i tuoi buoni e libretti. Inoltre pagare i bollettini non è mai stato così semplice: attraverso la scansione del QR Code con la fotocamera del tuo smartphone effettuerai i pagamenti in un baleno!

Poste Italiane è anche attenta alla tua sicurezza, e per tale motivo ha implementato l’app con il sistema di riconoscimento dell’impronta per accedere alle sue funzionalità.

Affidabilità

Qualche paragrafo fa ti ho raccontato a grandi linee la storia di Poste Italiane. Il cambio di strategia aziendale a partire dal nuovo millennio sta effettivamente ancora portando i suoi frutti.

A confermarlo non sono solo i dati sul fatturato in positivo da diversi anni, ma anche i dati emessi dagli analisti finanziari. Il cet1 ratio, uno dei principali indicatori di stabilità finanziaria, si attesta su un rassicurante 16,9 %. La Bce ha fissato come soglia dell’allerta per gli istituti bancari il cet1 all’8%.

Dati alla mano non mi resta che confermare la solidità di Poste Italiane.

Ti vedo perplesso. Non sai cosa sia il cet1? Non temere, non è così semplice masticare la terminologia bancaria. Ti lancio un salvagente con questa interessante e semplice guida!

Opinioni del Web

Gli utenti della rete non vanno troppo per il sottile con Poste Italiane. Va però sottolineato che la maggior parte delle lamentale è rivolto al servizio di corrispondenza, e non ai servizi finanziari.

Venendo perciò ai prodotti bancari, i cybernauti sono piuttosto soddisfatti e ad esempio, strumenti come la Postepay, sono ancora utilizzatissimi.

Il dito viene puntato soprattutto contro il servizio d’assistenza. Per quanto riguarda gli uffici postali, la lamentela, come se fosse ormai una cantilena, è sempre la medesima: code chilometriche agli sportelli e personale insufficiente!

Non se la vede bene neanche il servizio d’assistenza telefonica e la pagina web per i reclami: le risposte giungono spesso con tempi biblici!

Per i conto corrente le critiche sono rivolte in particolar modo alle tempistiche per le consegne dei documenti sulle giacenze mensile. Nella seconda metà del mese di gennaio numerosi clienti tempestavano di commenti la pagina facebook di Poste Italiane in quanto tali documenti, necessari anche per l’attestazione Isee, non erano stati ancora consegnati. Di norma, i gruppi bancari le inviano nei primi 5 giorni del mese.

Anche i servizi digitali riscontrano alcune problematiche. In diverse occasioni sia il sito ufficiale, che l’app sono stati soggetti a dei blocchi che hanno impedito il normale svolgimento delle funzioni di Internet banking.

Opinione di Supercoin

Nella classifica “Global 500” redatta dall’agenzia Brand Finance, Poste Italiane è stata una delle poche aziende italiane ad aver l’onore di essere stata inserita al suo interno. Ha ricevuto addirittura un rating “AAA”. Tutto ciò a dimostrazione di un’ottima solidità finanziaria.

Scendendo nell’analisi dei prodotti, i costi dei conti corrente non sono in linea con l’offerta della concorrenza: ad esempio è gravoso per le tasche di un correntista (e anche molto scomodo) dover necessariamente prelevare presso gli ATM di Poste Italiane se non si vuole incorrere in una commissione di 1,75 euro (qui trovi conti corrente molto più vantaggiosi).

La mancanza di conti depositi però gioca a svantaggio di Poste Italiane. La sua clientela è soprattutto di tipo retail (famiglie e piccoli operatori) e senza dubbio questa forma di prodotto condita da validi interessi avrebbe fatto gola a molti clienti.

Forse starai obiettando che esistono i libretti e anche i famosi buoni fruttiferi. Tutto verissimo, ma i tassi al creditore a cui sono sottoposti sono irrisori.

Inoltre tieni conto che sui depositi superiori ai 5.000 euro è obbligatorio versare ogni anno un imposta di bollo di circa 32 euro!

Venendo all’aspetto tecnologico di Poste Italiane, l’user experience del sito ufficiale è discreta: i prodotti sono facilmente individuabili e descritti in maniera sintetica ed efficace.

L’app BancoPosta garantisce una buona sicurezza, anche attraverso il sistema di riconoscimento dell’impronta digitale. Le sue funzioni non si discostano da quelle fornite dalle altre app di servizi finanziari.

Potrebbero essere certamente implementate con, ad esempio, i servizi di pagamento Google Pay ed Apple Pay che permettono di pagare nei negozi fisici direttamente con lo smartphone, senza più strisciare la carta!

Cerchi un prodotto bancario davvero conveniente? Ecco la mia selezione:





Redazione di Supercoin
Ciao, sono Supercoin, il supereroe che lotta ogni giorni per salvare i tuoi soldi! Un salvadanaio che, come Clark Kent, si è travestito da eroe ed è in missione per fornirti chiarezza per tutte le decisioni finanziarie. Perché tutti abbiamo diritto ad essere informati correttamente su ciò che fa parte della nostra vita quotidiana: i soldi. Leggi chi scrive a mio nome!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here